IMMIGRATI E WELFARE STATE, STATO E COOPERATIVE SONO COME I PAPPONI

Immigratidi MARCO LIBERTÀ

Ora vorrei poter dire la mia sulla questione “migranti in hotel e italiani per strada”. Ho un parente che essendo educatore, lavora per una cooperativa che si occupa dell’accoglienza di minorenni nordafricani. Li ospita in una villetta della mia città. Quindi ho informazioni abbastanza veritiere sulla faccenda, che sono distanti da “I migranti stanno a prendere il sole” di cui parla Salvini, e dal “Scappano dalla guerra e sono tutti adorabili” di cui parla la sinistra.

I migranti, dunque:

-Pochi scappano dalla guerra e i nordafricani spesso sono solo migranti economici. Un buon 20% non è nemmeno minorenne ma senza documenti si spacciano per tali (hanno un trattamento migliore).

-Una parte importante (a occhio un 30% da quello che mi viene raccontato) sono pessimi individui, che non si fanno problemi a minacciare, squarciare gomme di auto, mettere mani addosso e infilarsi in giri strani. So che molti di giorno scappano e vanno a prostituirsi o si infilano in giri di spaccio. Se un educatore prova a denunciarli, essendo loro una sua responsabilità, automaticamente viene denunciato a sua volta. Se prova a dare un ceffone o chiuderli dentro… idem.

-Però non sono tutti così, non tutti chiedono il wi-fi e l’aria condizionata. Questo mio parente mi ha detto che una volta per aver dato loro una scatoletta di tonno si stavano mettendo a piangere. Dice che moltissimi vogliono andare a lavorare, ma la legge italiana non lo permette (lo Stato maximo li vuole assolutamente dipendenti da lui), quindi vanno a lavorare di nascosto. Tanti non vorrebbero nemmeno starci lì a farsi servire, vorrebbero andare a lavorare e crearsi una vita onestamente, ma “devono” per legge ricevere la loro dose di welfare.

La cooperativa:

-Dentro ci lavorano tante persone che credono di fare del bene, ma chi la gestisce di fatto se ne fotte di loro e soprattutto dei migranti.

-Ricevono parecchie decine di euro al giorno per quei ragazzi, ma da quel che so a malapena gli danno da mangiare.
La maggioranza del cibo che gli danno è “chiesto in donazione” (elemosinato insomma) ad imprese e mercati del luogo che lo forniscono a titolo gratuito, dicendo però che è merce in scadenza e va consumata subito. Invece, spesso, i gestori della cooperativa ci riempiono le dispense e non è raro che questo mio parente veda cibo deteriorato che è stato donato settimane prima. A questi ragazzi viene dato sempre lo stesso cibo, fagioli e pollo, fagioli e pollo e poche altre cose.

Alcuni ragazzi scappano, rubando i loro stessi documenti e si presentano ai carabinieri chiedendo di essere assegnati ad altro rifugio. Un ragazzo è scappato in questo modo dopo aver chiesto per 2 mesi uno shampoo (non disponendo di soldi propri); un altro è scappato dopo mesi in cui non aveva nemmeno un cuscino nel letto. I gestori della cooperativa se ne fregano, tanto hanno sempre “carne fresca” in arrivo e li rimpiazzano.

La verità è questa: non sono i migranti il male, il male è lo Stato che con il suo welfare uccide. Lo stato si trastulla con il suo welfare, gode nell’arrivo di parassiti desiderosi di essere nutriti, protetti e dipendenti da lui. Il male è il socialismo che pone delle frontiere in un luogo libero; chiunque può entrare ed uscire liberamente, se è onesto e lavoratore avrà 100.000 opportunità di prosperare. Se è un criminale sarà impallinato dal primo individuo che vorrà rapinare… si, perché in un luogo libero la gente è armata.

E non ho altro da dire su questa faccenda.

Rubriche PensieroLibero