di REDAZIONE Per il presidente del Kosovo Hashim Thaci è giunto il momento di aprire l’ultimo capitolo nel dialogo fra Belgrado e Pristina, che porti alla completa normalizzazione dei rapporti interstatali e al riconoscimento dell’indipendenza del Kosovo da parte della Serbia. “La soluzione migliore sarebbe che la Serbia riconosca il Kosovo, cosa questa che porrebbe…

di REDAZIONE “Un sostenitore del diritto dei popoli all’autodeterminazione”: Donald Trump è descritto anche così in Nigeria, in particolare a Port Harcourt, metropoli petrolifera roccaforte del movimento per la secessione del Biafra. Con buona pace di Barack Obama, primo presidente afroamericano degli Stati Uniti, l’Indigenous People of Biafra (Ipob) ha convocato un corteo di sostegno…

di JONATHAN MARSHALL Il rapporto del Direttore della National Intelligence sulla presunta pirateria russa si apre con un “giudizio chiave”: gli “sforzi della Russia per influenzare le elezioni presidenziali degli Stati Uniti nel 2016 rappresentano la più recente espressione del desiderio di lunga data di Mosca di minare l’ordine liberale e democratico guidato dagli Stati…

di MARIETTO CERNEAZ C’è un’informativa dei servizi d’intelligence spagnoli (CNI) sulla scrivania di Mariano Rajoy che si occupa, nello specifico, di Catalogna e della questione indipendentista. Ebbene, in quel rapporto segreto, i servizi madrileni darebbero al presidente del Consiglio le seguenti informazioni: 1- Ci sono paesi europei che hanno aperto alla solidarietà con la Spagna…

di MARIETTO CERNEAZ Già 3 anni fa denunciavamo, su queste pagine, le torture messe in atto dal regime venezuelano (vedi qui). Ora, c’è chi racconta quei fatti nei dettagli, ascoltando le testimonianze di chi ha subito “le cure” della dittatura di Nicolas Maduro. “Ti denudano, ti rasano, ti vestono di un’uniforme gialla e ti costringono…

di ARTURO DOILO Sapete che c’è di nuovo? Nulla e le pecore stanno bene tosate! Anche quando decidono di trasferirsi all’estero per fuggire dall’inferno fiscale italiano, ma commettono l’errore di iscriversi all’Aire, l’Associazione degli italiani residenti all’estero. Da un po’ era nell’aria la notizia.ma ora è l’Agenzia delle Entrate stessa a dirlo a chiare lettere: …

di GRAZIANO DAVOLI Dopo la strage di Charleston, in South Carolina, avvenuta il 17 Giugno 2015, nella quale il ventunenne Dylann Roof fece irruzione in una chiesa gospel e sparando a bruciapelo uccise nove persone di colore il tutto per iniziare, a suo dire, una guerra razziale ed affermare la “supremazia bianca”, la bandiera confederata…

di MARIETTO CERNEAZ Un paio di settimane fa, hanno tolto dalla circolazione le banconote da 100 bolivar (2 centesimi di euro), creando il panico e rivolte. L’inflazione, grazie alle scelte politico-economiche di Maduro e Chavez, viaggia a verso il 1000 e passa per cento quest’anno (stime del FMI). Sono i grandi successi della “sovranità monetaria”…

di REDAZIONE Il governo spagnolo non può decidere sulla sovranità di un pezzo del territorio nazionale. Ma l’amministrazione della Catalogna non intende chiedere il permesso a Madrid per convocare un referendum sulla sua indipendenza. Si è chiuso così, scrive il quotidiano “El Pais”, il primo e atteso incontro tra la vicepresidente del governo Soraya Saenz…

di MARIETTO CERNEAZ L’indipendentismo Kurdo continua per la sua strada, seppur tra tante difficoltà. Barzani, presidente della regione autonoma del Kurdistan, in più occasioni, ed in più incontri bilaterali, aveva già lasciato intendere la volontà di autodeterminarsi della sua regione dall’Iraq e non solo. Ora, la notizia è che il Partito democratico del Kurdistan (Pdk)…

di CLAUDIA GATTI Solo per gli accecati dall’ideologia collettivista il Venezuela non è una dittatura. Intanto, ieri, sono ben tre i politici di opposizione arrestati in Venezuela, in un nuovo giro di vite del governo di Nicolas Maduro contro il dissenso nel Paese, devastato da una grave crisi economica causata da Chavez e Maduro. L’ondata…

di REDAZIONE La Republika Srpska (Rs), l’entità a maggioranza serba della Bosnia-Erzegovina, ha celebrato, il 9 gennaio scorso, la Festa nazionale e il 25/mo anniversario della sua fondazione, una ricorrenza largamente appoggiata e sostenuta dalla dirigenza serba a Belgrado, ma considerata illegale e anticostituzionale a Sarajevo dalle autorità della Federazione croato-musulmana (Bh), l’altra entità del…

di REDAZIONE E’ ‘pareggio tecnico’ in Catalogna secondo un sondaggio pubblicato due giorni fa da La Vanguardia fra sostenitori e avversari dell’indipendenza, proposta in teoria per la fine di quest’anno dal presidente secessionista Carles Puigdemont. Il 76,6% dei catalani è favorevole alla tenuta di un referendum vincolante sull’indipendenza, promesso dal Govern di Barcellona nonostante la…

di LUIS PABLO DE LA HORRA Questo vi suona familiare? “L’istruzione è un pilastro fondamentale per ogni società. È il fondamento su cui un paese costruisce la prosperità presente e futura; per questo è importante che i governi dei paesi in via di sviluppo forniscano un’istruzione di base gratuita, così che i bambini non restino…

di MARIETTO CERNEAZ In Italia, gli statalisti comunisti gli darebbero dello sporco fascista; quelli comunisti lo appellerebbero come bieco comunista. Eh sì, perchè l’ultima idiozia partorita dal governo di Maduro i primi la chiamerebbero “tessera annonaria”, i secondi  la apostroferebbero come la “libreta cubana”. Il tiranno che sta sgovernando il Venezuela, invece, l’ha chiamata “Carnet…

di MARIETTO CERNEAZ La buona notizia è che, nonostante la stampa mainstream non ne parli volentieri, il vento indipendentista soffia forte un po’ ovunque. Catalunya e Scozia sono avanguardie riconosciute, ma solo due giorni fa abbiamo parlato della voglia di autodeterminarsi delle Isole Orcadi. Ora, scopriamo che anche in Germania c’è una leggera brezza secessionista,…

di MARIETTO CERNEAZ Dove stava Pier Ferdinando Casini quando, oltre 10 anni fa, c’era chi denunciava i crimini del governo Chavez? Semplice, stava al potere e se ne fotteva altamente degli “italiani” in Venezuela, degli espropri governativi, delle leggi criminali introdotte dal regime potenziale che si stava costruendo. Il Presidente della Commissione Esteri del Senato,…

di MARIETTO CERNEAZ C’era una volta la Gran Bretagna, l’impero costruito nei secoli. Poi, un po’ alla volta, dell’impero è rimasto il Commonwealth e più si fa avanti della Gran Bretagna rimarrà solo la perfida Albione. Che la Scozia abbia in programma di lasciare l’Inghilterra è risaputo, hanno celebrato un referendum due anni fa. Lo…

LA NAZIONALE CATALANA GIOCA CON LA TUNISIA E PERDE AI RIGORI

di PAOLO GATTI E’ un “clasico”, forse vale anche di più del “clasico” per antonomasia. Tra Natale e Capodanno, dal 1997, la nazionale catalana gioca la sua partita dell’orgoglio, anche se è sempre un’amichevole. Un rito che la nazione che, per ora, non è riconosciuta ufficialmente celebra come rito collettivo, di sport e politico. Pep…

di CHARLIE PAPINI C’era una volta l’Apartheid nella Repubblica Sudafricana. Poi, arrivò Mandela alla presidenza e il “potere nero” assurse a dogma. La politica discriminatoria e razziale dei bianchi finì, ma secondo qualcuno iniziò quella al contrario, contro i bianchi. Così, nel 1991 nacque Orania, una città di soli bianchi nella provincia settentrionale del Capo,…

di MARIETTO CERNEAZ Dopo insistenza da parte dei porporati locali e dell’ambasciata spagnola, ieri il regime venezuelano ha liberato 7 prigionieri politici, tra i quali l’ex candidato presidenziale dell’opposizione Manuel Rosales, arrestato nel 2015. Oltre a lui sono liberi anche alcuni studenti finiti in prigione nel 2014 durante le proteste contro il governo chavista di…

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi