TERZO MONDO, I POVERI PREFERISCONO LE SCUOLE PRIVATE A QUELLE PUBBLICHE

di LUIS PABLO DE LA HORRA Questo vi suona familiare? “L’istruzione è un pilastro fondamentale per ogni società. È il fondamento su cui un paese costruisce la prosperità presente e futura; per questo è importante che i governi dei paesi in via di sviluppo forniscano un’istruzione di base gratuita, così che i bambini non restino esclusi a causa della mancanza di risorse economiche, e possano avere in tal modo l’opportunità di prosperare e di uscire dal circolo vizioso della povertà”. A molte persone, questo argomento appare ovvio, ma c’è un salto logico ingiustificato tra le premesse, innegabilmente vere, e la conclusione discutibile. La crescita economica è stata storicamente accompagnata dall’aumento dei tassi di alfabetizzazione già molto tempo prima che l’istruzione obbligatoria fosse introdotta dal settore pubblico. Ad esempio quando nel 1870 in Inghilterra fu fondata l’istruzione pubblica gratuita, il tasso di alfabetizzazione era già superiore al 70% grazie alla filantropia, alle Scuole domenicali, e alle scuole private. Alcuni potrebbero obiettare, tuttavia, che questo esempio storico…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Rubriche FuoriDalMondo