BERGOGLIO S’È DIMENTICATO L’IMPORTANZA MORALE DELLA LIBERTÀ ECONOMICA

di WILHELM RÖPKE* Uno dei più pericolosi errori del nostro tempo è di credere che la libertà economica e la società che è basata su di essa non siano compatibili con le esigenze di un atteggiamento rigorosamente cristiano. Questa stravagante credenza è la causa di un fatto ben conosciuto, comune al vecchio e al nuovo mondo, e cioè che una non trascurabile parte del clero, sia cattolico che protestante, propende marcatamente verso la sinistra socialista.  Viste le allarmanti conseguenze di questa tendenza, che attenua la nostra resistenza al comunismo proprio nel momento più critico e che insinua un vago disagio morale nella nostra società, è della massima importanza spazzar via la confusione intellettuale che vi sta al fondo. Noi non sottolineeremo mai abbastanza che proprio il contrario di questa diffusa credenza è vero: le più forti ragioni di difendere la libertà economica e l’economia di mercato sono precisamente di carattere morale. È proprio la libertà economica e l’economia di mercato che sono richieste dai canoni…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
CONDIVISIONI
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche ControPotere