I NUOVI SINDACI? CONTINUERANNO A FARE GLI ESATTORI DELLO STATO CENTRALE

di LEONARDO FACCO Durante tutta la giornata di ieri, il chiacchiericcio bipolare (come la sindrome) s’è dedicato al voto dei ballottaggi di domenica scorsa inanellando banalità, quando invece l’unico serio dato politico emerso dalle urne è quello rilevato da Valentina Cavinato, che ha scritto: “Considerando la grande astensione, spero di non sentire più la cazzata secondo cui se non vai a votare, vince la sinistra”. Nonostante l’astensione record, anche l’ultimo degli utili idioti liberali è stato messo Ko. La stampa del regime s’è sbizzarrita nel titolare come da ventennale copione: “Comunali: Renzi perde, ma dice che ha vinto”; “Elezioni, il centrodestra vince, batosta per il Pd”; “Genova, per la prima volta nella storia conquistato un feudo della sinistra”; “Cocente batosta per il centrosinistra ai ballottaggi nelle città”. Alla faccia delle analisi politiche. Sugli “incartapesce” di centro-destra, litanie simili, con esultanza dei parassiti neo-eletti, che hanno immediatamente assaltato il palazzo dove poggeranno le loro chiappe su delle comode poltrone, iniziando così la spartizione del bottino tra le loro camarille, come se fosse diverso per un contribuente essere derubato…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Rubriche ControPotere