L’OCCIDENTE MASSACRATO DALLE TASSE E DALL’IDEOLOGIA TERZOMONDISTA

di PATRICK J. BUCHANAN Con la spesa per le quattro più grandi voci di bilancio (Medicare, Medicaid, Social Security, Difesa) in aumento, e il Pil che cresce all’1%, i deficit futuri supereranno i 600 bilioni di dollari di quest’anno. La bancarotta americana, dunque la prospettiva che ci troveremo in un futuro non troppo lontano nella stessa barca con la Grecia, ol Portorico, e l’Illinois, è tra le minacce reali della repubblica. Siamo alla deriva verso il precipizio, eppure la questione non è dibattuta. Ernest Hemingway ci ha ricordato come le nazioni sfuggono ai pantani del debito: «La prima panacea per una cattiva gestione della nazione è l’inflazione della moneta; la seconda è la guerra. Entrambe portano una prosperità temporanea; entrambe portano una rovina permanente. Ma entrambe sono il rifugio degli opportunisti politici ed economici». Del resto, «Pervertire la moneta», nella rappresentazione di Lenin, è il modo in cui ci sarà probabilmente distrutto il mostro del debito. La seconda opzione di Hemingway, la guerra, sembra essere l’opzione…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
CONDIVISIONI
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche ControPotere