L’OCSE: SERVE UNA TASSA PATRIMONIALE! DITEGLI CHE IN ITALIA CE NE SONO 15

di LEONARDO FACCO L’OCSE è quell’organizzazione super-statuale di parassiti convinti di capire tutto di economia. La loro ossessione, però, è una sola: ridurvi sul lastrico, trasformarvi da ceto medio in sotto-proletariato.  Da anni, la loro strategia è quella di abolire il contante, controllarvi ogni conto corrente, sapere se avete qualche gruzzolo nascosto alle Bahamas o in Svizzera e, in particolare, infilarsi in ogni anfratto del vostro portafoglio. Come hobby, invece, hanno quello di proporre tasse. Ieri, per non smentirsi, queste zecche parastatali hanno fatto parlare nuovamente di sé: “Ocse: tassa patrimoniale può ridurre velocemente le disuguaglianze”.  Facciamo un po’ di chiarezza: nel 2013 le imposte patrimoniali che gravavano sui contribuenti italiani hanno garantito alle casse statali ben 41,5 miliardi di euro. Nel 2014 le imposte patrimoniali sono costate agli italiani la cifra record di 48,6 miliardi di euro. Nel 2016, la sola casa (immobili) hanno fruttato allo Stato italiano 40, 2 miliardi di euro. Ancora: negli ultimi 25 anni, la loro incidenza sul Pil è raddoppiata, mentre in termini assoluti il gettito…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
CONDIVISIONI
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche Denari