HANNO SEMPRE E SOLO NOSTALGIE DELLA STAMPANTE MONETARIA

di MATTEO CORSINI Il duo savoniano composto da Fabio Dragoni e Antonio Maria Rinaldi ha scritto su MF un articolo nel quale, ripartendo dal divorzio tra Tesoro e Banca d’Italia del 1981, arrivano a suggerire alcuni provvedimenti per contenere il costo del debito pubblico. Ovviamente la lettura del divorzio è tipica di chi ha nostalgia…

LA GRANDE DEPRESSIONE, UNA LEZIONE MAI IMPARATA

di REDAZIONE C’è una grande lezione che ben pochi hanno studiato ed imparato, ovvero la crisi del 1929, quella che tutti conoscono come La Grande depressione. La teoria del ciclo economico è stata ignorata e gli insegnamenti di Mises, e della Scuola Austriaca di Economia, accantonati. Di questi tempi, sarebbe bene capire, cosa ha da…

di FRANCO CAGLIANI La guerra al contante, la guerra ai vostri risparmi, la guerra al frutto del vostro lavoro è in corso da qualche anno e anche i Paradisi Fiscali, da una decina d’anni a questa parte, sono finiti nel mirino di quasi tutti i governi. La scusa è stata la crisi finanziaria del 2008,…

EVVAI, NEL 2019 PER LE PMI AUMENTANO LE SCADENZE

di LUIGI CORTINOVIS Evvai, più li votate e più vi semplificano la vita! Mantengono le promesse, soprattutto nei confronti degli imprenditori, che insistono nel chiedere ai politici soluzioni a problemi che i politici creano. E così, nel 2019 il numero delle scadenze/adempimenti fiscali è destinato ad aumentare fino a sfiorare quota 100, in particolar modo…

di LEONARDO FACCO Tempo fa, l’OCSE, che è quell’organizzazione super-statuale di parassiti convinti di capire tutto di economia, ha una sola ossessione: ridurvi sul lastrico, trasformarvi da ceto medio in sotto-proletariato.  Da anni, la loro strategia è quella di abolire il contante, controllarvi ogni conto corrente, sapere se avete qualche gruzzolo nascosto alle Bahamas o…

NESSUNA RIDUZIONE DI TASSE PUÒ ESSERE FATTA

di MATTEO CORSINI Non è un mistero che MF/Milano Finanza appoggi apertamente Paolo Savona, i cui piani di riduzione apparentemente indolore del debito pubblico ho preso in esame più volte in passato, e la cui proposta di nomina a ministro dell’Economia è stata bocciata dal presidente della Repubblica. Savona è poi entrato al governo per…

di REDAZIONE Abbiamo un fisco “bulimico”. Oltre 100 tasse, ma ne basterebbero 10. In campo fiscale non ci manca certo la fantasia. Oltre a essere bersagliati da oltre 100 tasse di tutti i generi, con un numero di scadenze fiscali da far rabbrividire anche il contribuente più zelante e con un prelievo tributario tra i…

di MATTEO CORSINI I ministri di qualsiasi governo hanno la tendenza a decantare stanziamenti miliardari a favore di questo o quel gruppo di persone, ovviamente con soldi presi ai pagatori di tasse presenti o futuri. Nel caso di Luigi Di Maio e di Matteo Salvini, però, il balletto dei miliardi (spesso sparando cifre a caso),…

di GERARDO COCO Storicamente, quando i prezzi delle azioni scendono, quelli delle obbligazioni salgono. Ma i minicrash nelle più importanti borse mondiali avvenuti lo scorso mese di febbraio e ora questo ottobre, hanno registrato il calo contemporaneo di azioni e obbligazioni. Non si tratta di anomalie: è il segnale di uno spostamento tettonico. Durante il…

di DONALD J. BODREAUX L’economista William Nordhaus della Yale University è il co-vincitore, insieme a Paul Romer della New York University, del Premio Nobel per l’economia del 2018. Nordhaus è famoso per lo più per la sua rigorosa analisi di come il cambiamento climatico influenzerà la crescita economica nel lungo periodo. Nonostante raccomandi una carbon-tax…

MONETIZZAZIONE: TRA IGNORANZA E MALAFEDE

di MATTEO CORSINI La confusione regna sovrana (qualcosa di sovrano i sovranisti lo stanno ottenendo). Da settimane, nelle stesse ore diversi esponenti di governo e maggioranza dicono cose spesso contraddittorie sugli stessi argomenti, e di fronte al saliscendi dello spread (più sali che scendi, finora), si limitano a dire che, una volta spiegata la manovra,…

di MATTEO CORSINI Alle diverse bocciature e critiche ricevute alle previsioni inserite nella nota di aggiornamento al DEF, il ministro dell’Economia Giovanni Tria ha risposto che al MEF hanno usato “lo stesso modello degli anni precedenti”. Io non lo metto in discussione, ma questo è il classico esempio dal quale si può dedurre che, oltre…

di DAVID STOCKMAN Hillary Clinton, in campagna elettorale, ebbe a dire: «Metterò mio marito a capo della rivitalizzazione dell’economia perché lui sa quello che sta fa». In realtà la presunta prosperità degli anni ’90, è stata garantita da Alan Greenspan, e non in senso buono. L’era della prosperità tecnologica s’è dimostrata in realtà il solito…

di MATTEO CORSINI Come ho già avuto modo di osservare in altre occasioni, su MF/Milano Finanza trovano ospitalità gli articoli di alcuni autori che potrebbero costituire la brigata Savona. Come era logico attendersi, i commenti al documento (da me criticato il giorno dopo la sua pubblicazione) scritto da Paolo Savona, che vorrebbe ridare slancio alla…

ONNISCENZA E MANIPOLAZIONE MONETARIA

di MATTEO CORSINI Si sentono e leggono spesso interventi di economisti a difesa dell’indipendenza delle banche centrali. Per esempio Donato Masciandaro, elogiatore senza se e senza ma di Mario Draghi, trattando della successione alla presidenza della BCE che avverrà tra un anno, ha scritto: “La politica monetaria deve cioè essere tenuta a distanza di braccio…

di GARY NORTH L’uomo della strada non conosce altra teoria sul denaro che la seguente: ne vuole di più, vuole più soldi. È facile pertanto che cada nello stesso errore concettuale in cui cadono tutti gli economisti ad eccezione di quelli di Scuola Austriaca: un po’ più di denaro nel sistema economico nazionale non può…

di MATTEO CORSINI Dicono talmente tante stupidaggini gli esponenti del governo del “cambiamento” che uno spererebbe di sentire cose meno insensate da parte di chi al governo non c’è. Eppure, non so se per via di una inopportuna mania di competizione, c’è chi vuole essere più sovranista. Per esempio la “patriota” Giorgia Meloni, che riprende…

LA SOLITA MOLTIPLICAZIONE DEI COSTI

di MATTEO CORSINI I keynesiani, come noto, credono che i provvedimenti di politica fiscale espansivi abbiano effetti moltiplicativi sul Pil. Oltre a sopravvalutare generalmente questi effetti sul breve periodo, tralasciano di pensare a ciò che avviene oltre il breve periodo (perché, come sosteneva il “maestro”, “nel lungo periodo saremo tutti morti”). Fatto sta che negli…

di LUIS PABLO DE LA HORRA La moneta è stata presente per gran parte della storia dell’umanità. Dalla Mesopotamia (o anche prima), tutte le civiltà hanno impiegato un qualche tipo di medium per i propri scambi per facilitare le transazioni a prescindere dalla locazione geografica, dall’assetto legale, dai sistemi economici, dalle convinzioni religiose o dalle…

di MATTEO CORSINI Dopo l’annuncio di un obiettivo di deficit per il prossimo triennio pari al 2.4% del Pil, la parola d’ordine nel governo è minimizzare la reazione negativa degli investitori. I quali “capiranno” (Conte), oppure “se ne faranno una ragione” (Salvini), oppure sono sviati dal “terrorismo mediatico” (secondo Giggino da Pomigliano). Ognuno, poi, dà…

di MATTEO CORSINI Forse crede che alzando (o abbassando, a seconda dei punti di vista) l’asticella quotidianamente si riesca a cambiare la realtà. Fatto sta che Luigi Di Maio continua a (stra)parlare di provvedimenti di spesa da mettere nella prossima legge di bilancio: “La Francia per finanziare la sua manovra economica farà un deficit del…

error: Content is protected !!