di MATTEO CORSINI Matteo Renzi parla quotidianamente: “Un cambio di direzione nella logica di un aumento di investimenti della politica economica europea: questo è il vero luogo dove abbiamo speso il 41% preso alle europee… Sul tema mi sento molto in linea con la politica economica del governo americano perché diciamo che la crescita si…

OCSE: IN ITALIA NESSUNA RIPRESA. PEGGIOR PAESE DEL G7

di REDAZIONE Pesante taglio alle previsioni di crescita economica dell’Italia da parte dell’Ocse: per quest’anno si pronostica una recessione del Pil dello 0,4 per cento, laddove meno di cinque mesi fa si stimava un più 0,5 per cento, in pratica un taglio di 0,9 punti. Sul 2015, invece, la riduzione è di un intero punto…

TASSE LOCALI, CRESCIUTE DEL 650% DAL 1990 AD OGGI

di REDAZIONE Al forum di Confcommercio a Cernobbio, il presidente Carlo Sangalli ha denunciato l’esorbitante aumento di tasse e imposte negli ultimi anni, soprattutto per le tasse locali. “Nell’affollata arena fiscale i tributi locali hanno fatto la parte del leone: ilprelievo è cresciuto nel 2012 del 7,8% sul 2011, e del 650% rispetto al 1990“.…

di REDAZIONE Quali sono i grandi Paesi più disastrati della Ue e dell’Europa Occidentale? In primis l’Italia e poi l’altra grande malata è la Francia. E guarda un po’ i due Paesi cugini sono rispettivamente l’ultimo e il penultimo in una classifica di cui non andare fieri: quella della tassazione complessiva (total tax rate) su…

di GIAN LUIGI LOMBARDI CERRI Che le tasse siano un tormento è un dato di fatto. Altro che “il piacere di pagarle” come ha detto lo “schioppato” Schioppa,  uno degli sfondatori della finanza italiana. Che continui per incapacità, per faciloneria e quant’altro ad aumentare le entrate fiscali per tappare i buchi della gestione è l’unica…

di MATTEO CORSINI “Paesi come il nostro che hanno conosciuto una sequenza di riforme pensionistiche incontrano un serio problema: come incoraggiare il risparmio delle generazioni colpite dalle riforme che godranno di pensioni molto ridotte. Da più parti sono stati reclamati sussidi fiscali per incoraggiare il risparmio e spingere le generazioni più penalizzate ad accantonare qualche…

di MARIETTO CERNEAZ C’è un angolo del Medio Oriente che non passa alle cronache per sgozzamenti, guerre, scontri armati e kamikaze, ma per le opportunità economiche che offre a chi vuole fare impresa (apertura di società di consulenza e servizi, promozione del commercio, esportazione ed apertura dell’economia locale). Ed a ben guardare, ci sono vantaggi…

di MARIETTO CERNEAZ Il fatto che la Germania abbia tirato il freno preoccupa l’opinione pubblica. Ma come è successo? A cosa è dovuto?  Eh già la Germania potrebbe scivolare in recessione: è quanto paventa l’istituto economico tedesco Diw considerata l’attuale stagnazione della produzione e il calo del pil registrato nel secondo trimestre (-0,2%). ”Il pericolo…

di MATTEO CORSINI Notizia Ansa: “Nuovo calo record del rendimento del BTP a 10 anni, che scende al 2,369%, con lo spread con il Bund che, di conseguenza, si porta a 145,9 punti. Sia il rendimento che il differenziale sono inferiori ai T-bond americani, rispettivamente al 2,377% e a 146,7 punti”. Notizie come quella che…

di GIORGIO CALABRESI «L’euro è un capro espiatorio per gli errori dei politici»: non è stato l’euro che ha prevenuto una ristrutturazione del debito e delle banche e non è stato l’euro che ha spinto una politica di austerity. Lo afferma il Financial Times, in un’editoriale di Martin Sandbu, sottolineando che «in tutti i casi…

di MARIETTO CERNEAZ Massì, tanto si paga solo il 70% di tasse su quello che si guadagna e l’immobile non è tassato abbastanza forse. Ormai, lo dicono tutti, la Tasi sarà una stangatona. “La Tasi, tassa sui servizi indivisibili, si appresta a far sentire i suoi effetti sulle tasche delle famiglie italiane e sulle aziende,…

DI MAURO GARGAGLIONE La UE fece una legge che imponeva il pagamento dei fornitori a 60 giorni e impose agli stati membri di recepirla. L’Italia lo ha fatto aggiungendo la postilla “salvo accordi tra le parti”. Ciò vuol dire che se non accetti il pagamento a 120 giorni d.f., f.m., s.c.v. (se c’ho voglia) io…

di REDAZIONE La Banca Centrale Europea non dovrebbe seguire l’esempio della Federal Reserve con un programma di acquisto di titoli di stato (quantitative easing) per rilanciare la crescita nell’Eurozona perchè i problemi della regione sono diversi da quelli degli Stati Uniti ed affondano le proprie radici «nelle malattie croniche di Italia e Francia e del…

ESTATE SENZA SOLE, MA CON UNA VALANGATA DI TASSE

di REDAZIONE Nooo, Renzi non aumenta le tasse dicono i pappagalli di regime. Però, alla fine dell’estate, la stangata d’agosto che quest’anno sfiorerà i 30 miliardi di euro per aziende e ‘partite Iva’ in genere. Imprese e lavoratori autonomi dovranno versare all’Erario entro la fine di agosto oltre 29 miliardi di euro di imposte, al…

OLTRE UN CERTO LIMITE, LE TASSE E’ MEGLIO NON PAGARLE

di MARIETTO CERNEAZ Un branco di ignoranti governa l’Italia. E Renzi non contribuisce di certo a smentire il teorema. L’altro ieri, era possibile leggere che “le imposte dirette, tra gennaio-giugno, registrano un gettito complessivamente pari a 105.291 milioni di euro e una diminuzione del 4,7% (-5.191 milioni di euro), rispetto ai primi 6 mesi del…

di REDAZIONE Olé! Nuovo record del debito pubblico a giugno. Il dato calcolato dalla Banca d’Italia e’ aumentato di 2,1 miliardi, a quota 2.168,4. L’incremento di 13 miliardi delle disponibilita’ liquide del Tesoro (pari a fine giugno a 105,3 miliardi; 76,3 a giugno 2013), spiega via Nazionale, ha piu’ che compensato l’avanzo di 10,3 miliardi…

di MARIETTO CERNEAZ Ricordo i tempi in cui un tale Giuseppe Turani sosteneva che i mali economici dell’Italia erano dovuti al “nanismo aziendale”. Secondo quel signore le piccole e medie aziende erano solo un segnale di arretratezza. Come gran parte dei “giornalisti economici” nostrani non ci ha capito una pippa e c’è voluta la crisi,…

di REDAZIONE Conto alla rovescia per le stime del Pil nel secondo trimestre del 2014. Domani, mercoledì, alle 11, l’Istat diffonderà la stima preliminare del prodotto interno lordo italiano nel periodo tra aprile e giugno, un dato che potrebbe confermare non solo lo spettro dello stagnazione per il nostro paese, ma aprire anche all’eventualità che…

di ARTURO DOILO Per onorare gli impegni col fisco, gli imprenditori continuano a bussare allo sportello: cinque aziende su otto chiedono prestiti in banca per pagare le tasse. Secondo un sondaggio del Centro studi di Unimpresa, condotto fra le 122.000 imprese associate sulla base dei dati raccolti al 30 giugno 2014, oltre il 62% delle…

di MARIETTO CERNEAZ Dicono le agenzie: “Italia divisa in due”. Sai che novità? Già, l’Italia continua a essere spaccata in due: nel 2014 il Pil italiano dovrebbe crescere dello 0,6%, quale risultato del +1,1% del Centro-Nord e del -0,8% del Sud. Secondo stime Svimez contenute nel Rapporto di previsione territoriale, si registra dunque nell’anno in…

di MARIETTO CERNEAZ Ieri, l’Istat la sparava un po’ grossa, affermando che le imprese italiane sono più fiduciose del solito per il loro futuro. Qualche associazione di consumatori ha definito il sondaggio di Stato una barzelletta, non senza ragioni. Oggi, le agenzie rilanciano questa notizia: “Il 64,6% delle imprese teme una nuova impennata di dissesti…

error: Content is protected !!