di LEONARDO FACCO Domani, 23 gennaio, in tutto il Venezuela (ma anche in giro per il mondo), i cittadini venezuelani scenderanno per le strade per sostenere l’ufficializzazione della nomina di Juan Guaidó alla presidenza della Repubblica del Venezuela, seppur ad interim. Sarà caos? Molto probabilmente sì! Ciononostante, l’attuale presidente dell’Assemblea nazionale ha offerto un’amnistia per…

di CARLOS ALBERTO MONTANER Il destino del Venezuela è probabilmente nelle mani di Juan Guaidó. Si tratta di un deputato di 35 anni, legato a “Voluntad Popular”, un partito fondato da Leopoldo López. Ha ottenuto la presidenza dell’Assemblea Nazionale, che è qualcosa tipo vincere una lotteria. In qualità di presidente dell’Assemblea è diventato, di fatto,…

di JORGE C. CARRASCO Nel marzo 1957, Kwame Nkrumah proclamò l’indipendenza dall’Inghilterra della Costa d’Oro, cambiando il suo nome in Ghana. Nkrumah era persona particolare. Istruito nelle università inglesi e americane, era convinto di due cose. La prima era che solo l’indipendenza avrebbe permesso alle popolazioni africane di superare il loro secolare arretramento. La seconda…

di ARTURO DOILO Maduro è messo alle strette dall’opposizione e, soprattutto dalla comunità internazionale, che ha scelto di non riconoscerlo come presidente rieletto del Venezuela. Lui se ne infischia, com’era ovvio, va a Cuba – dove gli impartiscono ordini da anni – e se ne esce con la solita boutade populista. Nicolás Maduro ha annunciato…

di LUCA LAVIOLA La Catalogna “riguarda tutta l’Unione europea, non solo la Spagna. Serve una soluzione politica o sarà il caos”. A poche settimane dal processo a Madrid, probabilmente a inizio febbraio, parlano dal carcere in cui sono rinchiusi da più di un anno Joaquim Forn e Jordi Sanchez, due leader indipendentisti accusati di ribellione…

ECCO LE 9 MISURE ECONOMICHE DETTATE DA CASTRO A MADURO

di ARTURO DOILO Un paese fallito, con un presidente fallito, e non riconosciuto, ha deciso di annunciare, da Cuba, le 9 manovre economiche per “rilanciare” (verrebbe da ridere già a questo punto) il paese. 1) Aumento del salario minimo. 2) Nuovo piano di “prezzi concordati” (imposti). Inoltre, il governo porterà avanti il processo per la…

BASCHI, NONOSTANTE LA PACE GLI ETARRAS MARCISCONO IN PRIGIONE

di GIANNI SARTORI Chiamatela resa, chiamatela scelta consapevole, chiamatela come vi pare… ma dalla definitiva rinuncia alle armi di ETA non sembra sortire granché. O almeno per gli etarras prigionieri. Basta fare un confronto con quanto era avvenuto nel secolo scorso prima in Sudafrica e poi in Irlanda, dove almeno le porte delle celle si…

VENEZUELA, PERSINO IL PSOE NON RICONOSCE L’ELEZIONE DI MADURO

di MARIETTO CERNEAZ Il fatto che Juan Guaidó, presidente pro-tempore del Venezuela, riconosciuto dalla comunità internazionale, sia stato arrestato dagli agenti del Sebin – e poco dopo liberato – forse ha convinto anche i socialisti spagnoli a twittare che l’elezione di Maduro è considerata illegittima. Il (PSOE), ieri, si è pronunciato sulla cerimonia di giuramento…

di ARTURO DOILO Il più recente studio statistico di “Hercon Consultores” sull’opinione pubblica venezuelana, tra il 6 e il 10 gennaio 2018, attraverso 1.000 interviste telefoniche in tutto il territorio urbano/rurale nazionale tra le persone aventi diritto di voto, ha rivelato che il 75,1% delle persone dice che Maduro non dovrebbe stare al potere per…

GLI ITALO-VENEZUELANI: MADURO ILLEGITTIMO, BASTA DITTATURA!

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO Le ONG e le Associazioni di Venezuelani espatriati all’estero si uniscono per comunicare la propria contrarietà alla Presidenza, illegittima, di Nicolàs Maduro. Ci esprimiamo sul tema a causa della completa assenza di legittimità d’esercizio del dittatore e del suo governo. I recenti fatti di cronaca confermano che il regime usurpatorio si è…

VENEZUELA, IL SALARIO MINIMO ORA VALE MENO DI 7 DOLLARI

di MARIETTO CERNEAZ Il salario minimo mensile di 4.500 bolivares, aumentato almeno 4 volte lo scorso anno, è ora pari a 6,38 dollari secondo il tasso di cambio ufficiale per dollaro dopo l’ultima asta tenutasi lunedì 7 gennaio nel Sistema de “Divisas de Tipo de Tipo de Cambio Complementario Flotante de Mercado (Dicom)” che ha…

MADURO, ILLEGITTIMO: NESSUNO RICONOSCE LA SUA NUOVA ELEZIONE

di MARIETTO CERNEAZ La comunità internazionale dichiara illegittimi i piani del presidente Nicolás Maduro, che il 10 gennaio prossimo dovrebbe giurare per un nuovo mandato presidenziale, ma gli esperti avvertono che per uscire dalla crisi assoluta che ha coinvolto il Venezuela serve molto più della solita sequela di parole di condanna. Secondo gli esperti, è…

di MARIETTO CERNEAZ Botti di Capodanno tra Cina e Taiwan, di cui seguiamo da tempo le vicende (vedi qui). Il presidente della Repubblica Popolare comunista è stato, ancora una volta, intransigente: “La Cina deve essere e sarà unita”, ha detto Xi Jinping nel discorso tenuto in occasione del 40esimo anniversario del riavvicinamento a Taiwan, avvenuto…

di ANDREAS KOHL MARTINEZ A questo punto alcuni di voi si staranno grattando la testa, chiedendo a sé stessi se qualcosa di tutto questo sia davvero reale. Dopo tutto, perché un capo di Stato dovrebbe volontariamente rinunciare a tanto potere, e di fatto andare incontro a tanti problemi per cercare di rinunciare ad esso. Ne …

di MARIETTO CERNEAZ In America lo chiamerebbero semplicemente spoyl sistem, al cambio di guardia alla presidenza c’è il cambio di guardia anche tra i componenti dell’amministrazione. In Brasile, dove s’è da poco insediato il nuovo presidente Jair Bolsonora, solleverà invece una montagna di polemiche, con sicuramente le prefiche comuniste italiane a dar manforte alla banda…

di ANDREAS KOHL MARTINEZ Il Liechtenstein è un paese di circa 38.000 persone; con 160 chilometri quadrati di superficie non è molto densamente popolato. Per fare una comparazione, Monaco ha circa la stessa popolazione ed è 80 volte più piccolo. Il principato può vantare forse il più alto PIL pro-capite e i più alti salari…

ECCO PERCHE IL LIECHTENSTEIN FUNZIONA (Parte Prima)

di ANDREAS KOHL MARTINEZ Prima di entrare in argomento, mostriamo le carte che abbiamo in mano. Quanti di voi si sono sentiti dire che il loro concetto di libertà suonava buono in teoria, sulla carta, ma non potrebbe mai funzionare nella pratica? Quanti di voi sono mai stati chiamati utopisti? Bene, vedo che si tratta…

di MARIETTO CERNEAZ L’economista venezuelano Ricardo Hausmann, che risiede negli Stati Uniti, ha elencato una serie di passi che il Venezuela dovrebbe compiere per uscire da quello che lui chiama “un incubo”. In questo senso, Hausmann sottolinea che per porre fine a “questo sogno orribile” che “noi venezuelani viviamo”, è necessario un coordinamento tra le…

di GIANNI SARTORI Del ritiro statunitense dal nord della Siria potrebbero avvantaggiarsi in molti. Damasco in primis. Molto probabilmente anche Mosca e Teheran. Sicuramente Ankara che avrebbe il definitivo via libera per saldare il conto con i curdi. Per ora comunque non si registrano particolari entusiasmi da parte dell’entourage di Assad. L’ambasciatore siriano – Bachar…

di MARIETTO CERNEAZ Probabilmente ha un po’ esagerato, ma chiacchierando con Pedro Sanchez – incontratisi a Barcellona per discutere della questione catalana – Quin Torra ha affermato che, “l’80% sostiene l’esercizio del diritto all’autodeterminazione in un referendum concordato, i cui risultati saranno vincolanti, l’80% contro la repressione politica, l’80% per la Catalogna repubblicana, senza la…

di MARIETTO CERNEAZ Billy Six, giornalista e documentarista tedesco, risiede da più di un mese nelle celle della sede del Servizio Nazionale Bolivariano di Intelligence (SEBIN), a Caracas, per aver fotografato il Presidente venezuelano Nicolás Maduro in una cerimonia pubblica. Il reporter, arrestato il 17 novembre nello stato occidentale di Falcón, è accusato di spionaggio,…

error: Content is protected !!