giovedì, Dicembre 1, 2022
9.6 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Un futuro fatto di città private al posto degli stati democratici

Da leggere

di ARTURO DOILO Il primo ad aver parlato di “privatopie” in Italia è stato Guglielmo Piombini, in un libro edito dalla Leonardo Facco Editore intitolato “Privatizziamo il chiaro di luna”. Correva l’anno 1996! Un altro testo in lingua italiana che ha trattato, con dovizia di particolari, l’idea di vivere in città private è quello di Fred Folvary,…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
- Advertisement -

Correlati

- Advertisement -

Articoli recenti