RISPUNTA TONY BLAIR, VUOLE “TORNARE IN CAMPO” CONTRO LA BREXIT

di FRANCO POSSENTI Chi si ricorda di Tony Blair? L’idolo dei piddini italiani, il più grande fallimento della cosiddetta “Terza via” tra socialismo e capitalismo (quella che Mises dice chiaramente non esistere), ma soprattutto colui che dichiarò – intervistato dalla CNN, dodici anni dopo l’invasione dell’Iraq – quanto segue: “Chiedo scusa, io e Bush abbiamo sbagliato, le armi di distruzione di massa di Saddam non esistevano”. Uno così dovrebbe rimanere nel “dietro le quinte della storia”, invece no, ritorna e lo fa per schierarsi contro la “Brexit”. “Guardo la scena politica attuale e mi sento quasi motivato a rientrare in campo”, ha affermato. E il riferimento è proprio alla Brexit, che considera “una sciagura per la Gran Bretagna”. No, non pensa a candidarsi in vista delle elezioni anticipate dell’8 giugno prossimo (gli inglesi hanno più memoria degli italiani), ma pensa ad una sua presenza attiva per influenzare l’opinione pubblica ed evitare che la Gran Bretagna esca dall’Unione Europea. “La Brexit è più importante della fedeltà a un partito”, ha…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
CONDIVISIONI
Rubriche Brexit