DECENTRALISMO E LOCALISMO, IN BRASILE LA STRATEGIA DI HOPPE FUNZIONA

di RAPHAËL LIMA Gli ultimi quattro anni di attivismo politico nel movimento libertario in Brasile confermano la tesi di Hoppe tracciata nel suo “Cosa bisogna fare” e possono servire da lezione ai libertari di tutto il mondo. Mentre ci prepariamo per le elezioni negli Stati Uniti e per le elezioni locali in Brasile, è importante rendere esplicite queste lezioni, per capire meglio come usare le elezioni e quanto efficacemente possano essere usate per proteggere la proprietà privata – quello che Hoppe chiama l’uso difensivo della democrazia. La prima lezione riguarda i principi: nella selezione dei candidati da sostenere, deve essere considerato un must che un candidato difenda la libertà, la proprietà privata e il diritto di associarsi e di non associarsi come valori fondamentali, e non semplicemente come buone proposte economiche generali. Il Presidente Bolsonaro ha illustrato questo punto in numerose occasioni. Sì, ha avuto alcune proposte di libero mercato e ha preso alcune posizioni che piacciono ai libertari, come la difesa del diritto di…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Rubriche FuoriDalMondo