Padovan: “Satyagraha veneto, sciopero della fame per chi sta in carcere”

di REDAZIONE Amici, ieri sera a Vicenza abbiamo vissuto la commozione di un popolo affratellato verso il traguardo dell’INDIPENDENZA. Che piazza!!!! Mai visti tanti gonfaloni col lèon!!!  Quanta decisione, quanta dignitosa rabbia, quanti sorrisi larghi e schietti: quanta brava gente, la nostra, lavoratrice. Io, l’ho detto ieri sera, e lo ripeto, non riesco però a darmi pace per i “fradei butadi in te na gaera italica”. Noialtri sen qua fora che godiamo del regalo dei  loro sacrifici e loro stanno nel silenzio nemico della privazione della libertà. E non possiamo fare niente: impotenti! Impotenti?  ma proprio no!!!!  NO!!! Sono tutti uguali dentro i nostri cuori. Lucio Chiavegato, il nostro Presidente, è ormai al decimo giorno di sciopero della fame. E allora ecco cosa faremo, con chi ci sta. Anche noi cominciamo uno sciopero della fame: NIENTE cibo in solidarietà ai fradei in presòn. Patrioti dentro e patrioti anca fora. Il popolo veneto, la società veneta RISPONDE ai so fradei! Lunedì comincia la settimana Santa e qualche sacrificio,…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche Cronache Il Meglio della Settimana