DOPO LA BREXIT, BUCO DI BILANCIO NELL’UE. IDEE? SI METTA UNA TASSA!

di MARIETTO CERNEAZ Altro che questioni di principio e stupidaggini filosofiche, il motivo per cui quelli dell’UE non avrebbero mai voluto vedere la dipartita della Gran Bretagna è uno solo: i soldi. L’allarme, di questi tempi in cui si discute di disconnessione, l’ha lanciato Angela Merkel, che ha fatto sapere che tutti gli altri governi dovrebbero trovare fra 12 e 15 miliardi di euro per colmare il buco generato dal divorzio britannico. Il calcolo sarebbe del commissario al Budget Ue, Guenther Oettinger. Quale soluzione trovare? Tagliare le spese? Macché, circola un’ipotesi che gli italiani conoscono molto bene: inventare una tassa nuova. Già, una nuova tassa Ue per colmare il buco di bilancio che lascerà la Brexit. L’ipotesi esiste appunto. L’uscita del Regno Unito dall’Ue lascerà infatti gli altri 27 membri dell’Unione con un buco “molto grosso” nel bilancio europeo. Parlando a una conferenza a Berlino con il Primo ministro del Lusssemburgo, Xavier Bettel, Merkel ha ammesso che non tutti i membri dell’Ue condividono la disponibilità della…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
CONDIVISIONI
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche Brexit