LA CATALOGNA DIMOSTRA CHE OGNI “POTERE” ESERCITA LA SUA GIUSTIZIA

di ENZO TRENTIN L’ingiustizia sociale è ovunque. La giustizia del resto non è cosa che ci può essere consegnata: va conquistata, e una persona sola non ce la farà mai, ci vuole una volontà collettiva. Senza uguaglianza di fronte alla giustizia non esiste libertà o democrazia. Oggi questo rimane vero per l’Italia, come per la Spagna e altrove. Con i miei scritti ho cercato di fare qualcosa, anche se poco in realtà. Ci sono indipendentisti che ad ogni pié sospinto citano il diritto internazionale, i trattati che riconoscono l’autodeterminazione, le leggi conseguenti, e arrivano a ricorrere ai tribunali locali, come alle Corti internazionali; ma sinora i risultati non sono stati soddisfacenti. Costoro li definirei per semplicità di linguaggio i “tribuni” che sono carenti di accortezza. I “tribuni” [nel doppio significato del termine: magistrati, e politicanti che ostentano pose demagogiche] sembrano trascurare che la nozione di obbligo predomina su quella di diritto, che le è relativa e subordinata. Un diritto non è efficace di per sé,…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
CONDIVISIONI
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche ControPotere