giovedì, Agosto 18, 2022
20 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

La scozia entra da vincitrice a westminster. indipendentismo sugli scudi

Da leggere

sturgeondi MARIETTO CERNEAZ

A bocce ferme, non si può non sottolineare quel che è accaduto in Scozia, dove lo Scottish National Party – gli indipendentisti – hanno conquistato 56 seggi su 59 disponibili a Westminster: “E’ una vittoria storica per lo Scottish National Party – ha detto Nicola Sturgeon – è la conferma che la gente approva il nostro programma elettorale”.

In termini di proposte elettorali lo SNP è quanto di più socialista ci sia in circolazione: programma sociale per tutto il paese, la signora Sturgeon voleva l’aumento della spesa pubblica, del salario minimo e dell’edilizia e delle tasse per banchieri e proprietari terrieri. Con questi presupposti aveva offerto un’alleanza ai Laburisti, che invece sono stati cancellati proprio dallo SNP. Eppure, la schiacciante affermazione dello SNP non può non essere letta anche in chiave secessionista. Nicola Sturgeon prese le redini del partito dopo la sconfitta del referendum per l’indipendenza e ora, secondo molti analisti, la vittoria dei Conservatori a Westminster darà nuova linfa proprio alla causa secessionista. La gente si fida di lei si mormora. “Da questi risultati – ha dichiarato – si vede che non hanno votato SNP solo quelli che avevano votato sì al referendum; ci hanno votato anche in molti che avevano detto no all’indipendenza”. Ed ha aggiunto: “La Scozia non sarà più ignorata ed emarginata a Westminster”.

Concludendo, un nuovo referendum sull’indipendenza della Scozia probabilmente potrebbe diventare un plebiscito e fornirebbe agli osservatori la prova definita che la Gran Bretagna, ormai frammentata e piena di partiti litigiosi, non ha più ragione di stare insieme. Alex Salmond è colui che ha innescato il processo di “disintegrazione” del Regno Unito e la Sturgeon potrebbe essere colei che lo porterà a compimento. La leader scozzese si prepara ad assumere un ruolo di primo piano nella politica nazionale, certo, sarà difficile ignorarla a Westminster. Ma il suo vero compito è un altro: portare la Scozia all’indipendenza.

- Advertisement -

Correlati

3 COMMENTS

  1. Onestamente, non so se lo diventarà. Ho la senzazione che Westminster sia stia muovendo verso un paese confederato. Vedremo.

  2. Vedremo.
    Ma se questa ottiene l’indipendenza della Scozia e poi l’imbraga in norme stataliste e socialiste , allora fanno poca strada.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Articoli recenti