SUL SORTEGGIO DEI SENATORI, BEPPE GRILLO NON HA DETTO UNA STUPIDAGGINE

di TOMASO INVERNIZZI Molti riducono a una provocazione l’idea di Beppe Grillo di introdurre la possibilità del sorteggio al posto delle elezioni almeno per un ramo del Parlamento. L’idea in realtà non è nuovissima ed è stata sperimentata nel corso della storia in vari modi e varie gradazioni dalla Boulé dell’Atene classica alla Venezia dei Dogi, alla Signoria di Firenze. Il tema si è imposto anche nel dibattito recente e ha avuto una certa diffusione grazie anche al libro “Contro le elezioni. Perché votare non è più democratico” di David Van Reybrocuk. In Italia una proposta di una Camera costituita per sorteggio è venuta dal costituzionalista Michele Ainis. Inoltre, a riprova che non si tratta di una  “boutade” estiva è il fatto che tale sistema sia stato adottato di recente negli ultimi 15 anni in diversi contesti: in Olanda e in Ontario per un progetto di riforma del sistema elettorale, in Islanda per la revisione dell’intera Costituzione, in Irlanda per la revisione di alcuni articoli…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
CONDIVISIONI
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche ControPotere