TAULA DE CANVI, A BARCELLONA LA BANCA SI FA PUBBLICA E MONOPOLISTA

di JESUS HUERTA DE SOTO La banca privata nasce a Barcellona in parallelo allo sviluppo di questa attività nelle grandi città commerciali italiane. È nell’epoca di Jaime I il Conquistatore (1213-1276) quando vengono derogate le leggi gotiche e romane sullo scambio mercantile e sostituite dagli Usi di Barcellona. Inoltre, il regolamento completo dell’attività bancaria, con la fissazione di attribuzioni, diritti, garanti e responsabilità del banchiere, fu elaborato in dettaglio dalle Corti del 1300-1301. Esistono alcune disposizioni di questo regolamento che sono di grande interesse. Così, ad esempio, il 13 febbraio dell’anno 1300 si stabilì che qualunque banchiere fosse fallito sarebbe stato dichiarato infame mediante uno strillone pubblico lungo tutta la città di Barcellona, nonché punito a mantenersi con una stretta dieta a pane e acqua fino a che non restituisse ai suoi creditori l’intero importo dei suoi depositi (63). Inoltre, un anno dopo, il 16 maggio del 1301, fu stabilito l’obbligo di ottenere avalli e garanzie da terzi per svolgere l’attività bancaria, di modo che…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Rubriche Denari