LE PIANTE SELVATICHE DELL’INSUBRIA

di MASSIMILIANO CARMINATI È fresca di stampa l’ultima fatica del professor Gabriele Peroni, l’erborista di Viggiù (VA) tra i massimi esperti di fitoterapia ed etnofarmacologia. Si intitola “Piante selvatiche d’Insubria in alimentazione e in medicina” ed è il logico sviluppo del volume “Le nostre nonne si curavano così” (Varese 2008). Nel libro, frutto di oltre venticinque anni di ricerca etnobotanica, vi sono prese in considerazione oltre 300 piante selvatiche impiegate dalle passate generazioni per nutrirsi e curarsi. Per ognuna è dedicata una scheda nella quale sono riportati nomi – compresi quelli, numerosissimi, in vernacolo – e una descrizione accurata degli usi sia in campo alimentare che in quello terapeutico. Per spiegare il concetto di etnobotanica ci viene in soccorso l’Autore stesso: “Il mio studio è un esempio di conservazione e revisione critica di notizie frutto di trasmissione orale della cultura e della scienza, che andrebbero, altrimenti, irrimediabilmente perdute. Tutto ciò che popolare, tutto ciò che fa parte della nostra storia, dei nostri usi e costumi,…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Rubriche I libri de L'Indipendenza