lunedì, Luglio 15, 2024
25.6 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

RILETTURE / Basta sostenere uno stato che spreca i nostri soldi

Da leggere

di GILBERTO ONETO

Si potrebbe sostenere – come infatti è stato sostenuto – che la questione del lavoro, dell’Articolo 18 e della contrapposizione di trattamento fra lavoratori del pubblico e del privato esulino dallo stretto campo di interesse dell’autonomismo. In effetti si potrebbe anche interpretare la questione come fonte di divisione della pubblica opinione e pertanto sostenere di tenerla disgiunta da ogni progetto tendente all’autonomia e all’indipendenza di una comunità, che ha per questo bisogno della massima coesione e condivisione di obiettivi. Miglio diceva che chi ha per scopo l’indipendenza di una comunità non si deve fare coinvolgere in diatribe e argomenti di dibattito che potrebbero dividere e indebolire la comunità  stessa e distrarla dall’obiettivo primario e imprescindibile dell’autodeterminazione. Se mal gestito, questo potrebbe essere il caso anche della vicenda in oggetto, che perciò merita una serie di considerazioni ulteriori.

La prima riguarda la intima somiglianza ideale e ideologica fra la ricerca di libertà economica e di libertà politica. Non si possono disgiungere le due cose e spesso, nella storia, è stata proprio la scintilla della libertà economica che ha fatto scoppiare i grandi incendi di libertà politica.  Tutte le lotte più chiaramente indipendentiste   (America, Svizzera, ex paesi sovietici o jugoslavi) sono avvenute in un clima di libertà e liberismo economico. Si ricordi a questo proposito la straordinaria formula del giuramento del Grütli: «Allo scopo di meglio difendere e integralmente conservare sé ed i loro beni». In definitiva si può affermare che autonomismo e liberismo possano difficilmente andare disgiunti.

La seconda considerazione coinvolge le libertà di scelta delle comunità. Come ripete con saggezza Pagliarini, ogni comunità può decidere di darsi statuti di lavoro liberali o socialisti, può scegliere se avere tantissimi impiegati pubblici o non averne nessuno, può darsi strutture sociali e amministrative pesanti o leggere, può decidere come le pare purché se ne paghi i costi economici e sociali e non vada a caricarli su altri.

Terza considerazione: ogni vero autonomista non può non riservare grande attenzione ai rapporti pattizi e contrattuali, sui quali è basata l’intera struttura federalista. Tutti i rapporti degli individui fra di loro e con le comunità vanno regolati da patti discussi, condivisi e stipulati in libertà. Lo stesso vale anche per i rapporti di lavoro che devono essere il frutto di un responsabile accordo fra le parti contraenti e non l’imposizione di terzi.

La quarta considerazione riguarda i doveri comunitari che appartengono a tutti coloro che hanno sottoscritto un patto sociale, che appartengono a una struttura statuale alla cui vita e gestione collaborano responsabilmente. Questo implica una serie di doveri e di diritti di comunanza e di solidarietà  che toccano anche la sfera dell’economia e del lavoro, come deve essere in una famiglia allargata. Questo significa che tutti debbano concorrere a quello che è considerato il bene comune e che tutti debbano godere del sostegno comunitario in caso di difficoltà. Questo significa però anche che nessuno debba gravare sulla comunità in termini parassitari, vantando diritti o rendite di posizione che non rientrano nella libera stipulazione di accordi di appartenenza.

La quinta e ultima considerazione è molto “italiana”. L’Italia è nata 150 anni fa come Stato e ha poi cercato di inventarsi l’esistenza di una nazione: è cioè stata unificata con la coercizione e solo dopo ha tentato di trovare delle motivazioni identitarie per il forzato assemblaggio. Questo significa che Stato e Italia sono elementi indivisibili e fra di loro imprescindibili: l’Italia per sopravvivere non può che essere statalista, lo Stato deve per forza essere italiano e patriottico. Nella sua storia l’Italia unita ha usato in maniera pesante tutti gli strumenti della statualità: esercito, polizia, leggi speciali, carcere, guerre e repressioni. In tempo di democrazia formale ha dovuto dotarsi di un consenso che si è dovuta “comperare” trasformando la macchina dello Stato in un enorme dispensatore di prebende, stipendi, vitalizi e sovvenzioni a una massa sempre più numerosa di persone che “vivono di Italia”, che magari fanno poco in termini produttivi ma che garantiscono i numeri della stabilità. Tre milioni e mezzo di “statali”, molti milioni di pensionati pubblici o fasulli e i loro famigliari sono una massa critica elettorale in grado di fermare qualsiasi tentativo di riforma, qualsiasi pulsione autonomista e federalista. Recenti eventi referendari lo dimostrano.

Come si deve – tutto ciò detto – comportare un movimento autonomista nel dibattito di questi giorni?

1 – Sostenere innanzi tutto che non possa essere lo Stato italiano a decidere su questioni così importanti per le comunità locali e, in particolare, per le regioni produttive della Padania. Siano gli enti locali a darsi norme più adatte ai loro bisogni.

2 – Ricordare che in un momento di grave recessione economica, la prima cosa da fare è tagliare le spese inutili. Oggi l’impiego statale costa più di 90 miliardi l’anno.  Se va ridotto il personale, quello pubblico non può costituire eccezione, anzi.

3 – Non è accettabile che con la disoccupazione in aumento, l’immigrazione continui indisturbata e gli stranieri finiscano per costituire  la fetta più grossa del non lavoro, del lavoro nero e delle spese di welfare. Si deve difendere con forza l’occupazione dei membri della propria comunità facendo in modo che gli indigeni che hanno perso il lavoro (compreso quello pubblico) sostituiscano gradualmente i foresti che vanno ricollocati ai loro paesi di origine.

4 – Rifiutare di continuare a sostenere economicamente uno Stato che persevera nello sprecare le risorse delle comunità virtuose e a imporre leggi e normative inadeguate alle realtà locali.

5 – Spiegare con chiarezza e determinazione alla gente che la sola soluzione ai problemi dell’economia e del lavoro è l’indipendenza dall’Italia.

Pubblicato il: 24 Marzo 2012

 

 

Correlati

11 COMMENTS

  1. Oggi le aziende pagano TROPPE TASSE…

    L’azienda, pero’, e’ composta da UOMINI E MEZZI.
    Come un esercito no..??

    Quindi, oggi, l’azienda paga le tasse o meglio il PIZZO.

    E sempre oggi lo stato tricolorito da i briganti e ecc. si comporta come lo sceriffo di Nottingham per cui…

    Diamo merito allo sceriffo o lo mettiamo seduto per terra per farlo ragionare..??

    Non servono disk lunghi… basta il principio.

    E allora torno sul chi versa e chi figura di versare in questo stato di mantenuti, briganti, rapinatori, razziatori e via cosi’ discorrendo.

    Chi versa per riempire la cassa di stato e’ solo un categoria: LA PRODUTTIVA..!!!!!!!
    CIOE’ I PEONES, I BASSI..! I MONE..!!!!!!!!!!

    E, uno laora e quaranta ghe magna sora..! (sono per difetto).

    Ma poi si puo’ anche dividere la popolazione in produzione statale e in produzione privata.

    La popolazione statale e’ mantenuta da appena assunta fino alla morte. Anche del congiunto. La sua produzione sono i SERVIZI al POPOLO. (?)

    La popolazione privata, i PRODUTTIVI in particolare, invece, deve mantenere gli improduttivi nel privato, gli impiegati e gli addetti ai servizi aziendali, e gli statali piu’ o meno produttivi di servizi di stato per il popolo mai stato sovrano.

    Non e’ complicato ma e’, per i mone e i peones, abbastanza complicata la struttura di qualsiasi stato.

    Quindi, i PRODUTTIVI hanno sulle spalle e in kulo un FRA_KAZZO di gente da SFAMARE..!!

    Il GOVERNO ALL’INFERNO di oggi, e’ il minimo da pensare e da dire, non ha fatto questi conti della serva… mi perdonino le serve.

    Quindi..????????

    HA TRADITO SOLO E UNICAMENTE I VERI PRODUTTIVI ED ONESTI ESISTENTI IN QUESTO STATO DI MERDA a tre colori.

    Per esempio con il tassare le case onestamente costruite e censite..!! Non che sudate e, ocio, DOVUTE AL CITTADINO DA PARTE DELLO STATO..!!

    Ri ocio qua nell’ultimo disk.

    Lo stato deve dare la casa al cittadino… e non tassarla se lui provvede da se..!!

    E’ RAPINA..!! RAZZIAMENTO..!! RASCHIAMENTO..!!

    Non pensate che perche’ ci sono proff lì allora tutto e’ secondo logica e legge. A quei livelli l’ignoranza prevale. Infatti, vivendo ai piani alti ignorano quello che succede ai piani bassi.

    Solo i PEONES lo possono fare sto kazzo di ragionamento..?

    Kax, ma i vari intellighenti lo dovrebbero sapere o sono fittizi come la loro patria e quindi ignoranti pure loro..??

    Le tasse dovrebbero essere poste in essere solo sul RENDIMENTO… non sugli UOMINI e i MEZZI..!!

    GNORANTI..!!

    E vai col ritornello:

    GOVERNO
    GOVERNO
    PER FAVORE
    VAI ALL’INFERNO..!!

    AMEN

    PS:
    Forse ho detto qualcosa che non va..??

    • E… visto che e’ domenica…

      ridico dato che sono RIPETENTE, che gli statali di qualsiasi livello (un ragioniere anche piu’ stupido dovrebbe saperlo) NON PAGANO LE TASSE. MAI..!!!

      NON VERSANO CONTRIBUTI. MAI..!

      E cosi’ via discorrendo…

      Quindi, essendo un peso venale per il VERO CONTRIBUENTE, IL VERSANTE (nord), o si calano i dipendenti, o si abbassano le loro paghe. Ovviamente a partire dalla TESTA. Non di kaz…

      Invece, dalla TESTA riceviamo inviti a fare i BUONI, I BRAVI (non quelli dei promessi sposi. Un tempo si sposavano), gli ADDORMENTATI e tante altre castronerie trikolorite pur di far si che loro continuino a vivere nel LUSO SFRENATO..!!

      Kax. troppi TDCi ci sono in itaglia.

      Come faremo a RISORGERE da queste putride e mefitiche macerie..??

      Salam

  2. mi piace lintervento di “niburo” in particolare mi piace questa frase:
    Dal Presidente della Repubblica in giù,fino all’ultimo inconsapevole netturbino del più piccolo Comune Italiano…STRANDATELAPPIIJJAVVELANTERCULOOOOOOOOO
    ALLE ARMI !!!!!!! ALLE ARMI!!!!!!
    ciao
    vb

  3. Gazebo e presenza sul territorio contro questa emergenza.
    L’IMU deve essere rinviata! Al solo sentirne parlare, la gente sta male.

  4. Miseria & Novertà (tra nobiltà e povertà)
    scritta il 3-Marzo-12

    1° PARTE- LA POVERTA’
    Due giorni or sono il credit default swap della Grecia era 22245, il prezzo più alto in assoluto mai registrato.
    Spiegazione: molto probabile a breve, una uscita dall’euro della Grecia e a seguire Italia,Spagna,Portogallo,Irlanda.
    La cassa depositi della BCE ha raggiunto la storica cifra record di 776 mld di euro, oltre 301 mld di euro in più del giorno precedente(2 Marzo-2012)
    Spiegazione: il credito alle famiglie e alle aziende al momento è solo propaganda politica, in effetti lo è dal secondo semestre del 2008. I soldi restano ben chiusi nelle tasche dei nostri ladroni (oops, scusate il lapsus freudiano) padroni: le banche.
    Lo spread è ancora altino , però in discesa e presto scenderà sotto i 300 e poi più giù
    Spiegazione: rigorMontis non ha ancora finito di sterminare la parte debole della nostra società,in questa crisi che lui stesso ha definito pubblicamente ” necessaria” tra l’indifferenza del PDL e del PD menoL. ( mio Dio !…………..non ho parole!!) Ma ci sta riuscendo!!
    Tutto tornerà alla “normalità” quando il progetto politico in atto avrà distrutto completamente il ceto medio.
    Normalmente (è un eufemismo) in recessione si cerca la salvezza e la ripartenza economica, attraverso l’eliminazione degli sprechi ,il taglio delle spese, così come ogni buon padre di famiglia sta cercando di fare a casa sua,tirando la “cinghia” in questo lungo e difficilissimo periodo di crisi.
    No! Rigor Montis no, la cerca attraverso l’eliminazioni delle classi sociali medie.
    Appiattisce la sfera vitale dei sudditi e trova il colpevole da gettare in pasto alla folla:
    l’evasore !!!!
    Riuscire a far capire ai politici che la gente, le persone normali vivono oggi con pochi euro al mese (dipende dal tenore di vita sociale la quantificazione del poco) e che nessuno riece più ad arrivare alla metà del mese, è come tentare di raccogliere le banane con il buco del c…..o.
    Stalin fece quello che oggi il Governo sta facendo, nel 1930 con i contadini Kulaki, li fece morire di fame e li fece condannare come nemici dello stato, come criminali,perchè protestavano per non morire di fame.
    DITEMI signori&signore che leggete :-Davvero non trovate nessuna affinità tra la dittatura stalinista-comunista e la realtà attualmente vissuta in Italia ?? Davvero??
    In Italia oggi,per i possessori di partita IVA, cioè secondo lo Stato:” per gli evasori “, la percentuale di pressione fiscale è arrivata ad attestarsi tra il 65 ed il 70% del reddito dichiarato. Cioè su 100 euro dichiarati al fisco, ne rimangono in tasca 30/35 e con quel 30-35%, secondo il nostro Padrone, i Kriminali dovrebbero riuscire a pagare: le rate del mutuo per l’acquisto della casa,,gli interessi alla banca per lo scoperto di conto , l’affitto del negozio o azienda,la scuola per i figli,luce,acqua, gas,e telefono, la benzina, il bollo,l’assicurazione,le vacanze , risparmiare qualcosa ,….. ….ah,dimenticavo anche mangiare qualche volta!!pregando di non ammalarsi mai!
    Quindi chi cerca di sopravvivere,di non chiudere l’attività, di non morire di fame è un malfattore e un Kriminale.(L’ho scritto con la K per assonanza con i Kulaki)
    Sono sicuramente stati loro (e Berlusconi) i criminali che hanno distrutto il “Bel Paese” !
    Già,proprio così!!! sono stati loro, questi maledetti Kriminali : i titolari di partita IVA
    é sicuramente così; lo dice anche la televisione ! fanno anche lo spot in tv….!
    ….PARASSITA :”organismo vivente, animale o vegetale che vive sopra o dentro un altro organismo e che trae da esso i mezzi per la propria sopravvivenza”.
    La definizione enciclopedica mi ricorda lo status del politico,a voi no?
    Ma forse il politico è solo un insetto, un pidocchio!…….non un vero parassita!
    Il vero parassita è l’italiota ,l’italiota……..ci crede!! pensa che il problema maggiore sia quello!!!
    -Lo dice anche la Televisione eh!- MALEDETTI COMMERCIANTI ! maledette partite IVA!!
    Demonizzano chi cerca di sopravvivere,
    Diventa Kriminale chi protesta per un opera pubblica inutile che toglie mld di euro dalle casse dello stato alle famiglie, alle scuole,come la TAV, CAPITO ? e l’italiota…..ci crede! crede veramente a ciò che le tv,i giornali,le radio ed i politici gli fanno vedere !!
    CAPITO ?
    Siamo tornati indietro di cento anni e viviamo in Russia sotto la dittatura comunista.
    Se manifesti pubblicamente il tuo dissenzo, c’è il rischio di finire in galera (per fortuna manca la Siberia qui da noi) c’è il tangibile pericolo di prendere qualche manganellata, per dire ciò che tutti pensano,per esprimere le proprie idee!!
    Mi sorge un dubbio atroce: ma non è che gli italioti sono quelli che la pensano come me e gli altri sono i buoni e bravi cittadini ?? No perchè, sapete ?… mi sento circondato !!!
    Spesso mi pongo questa domanda e mi rispondo con un analisi storica fredda ,composta da fatti ineluttabili che hanno portato uno dei paesi più belli del mondo, alla rovina.
    E mi verrebbe voglia di menare le mani !!!
    Nel 1946 , usciti con le ossa rotte dalla 2° guerra mondiale,si svolse contemporaneamente il referendum istituzionale e l’elezione dell’ assemblea costituente. Gli italiani scelsero di votare per la repubblica , l’Assemblea fu eletta con un sistema proporzionale.
    Furono assegnati 556 seggi distribuiti in 31 collegi elettorali.
    Sostanzialmente le sorti dell’ Italia e degli italiani finirono nelle mani di 3 grandi formazioni politiche (ricordandoci che la guerra l’abbiamo persa e non vinta)
    1. La democrazia cristiana 207 seggi (35% ) appoggiata dagli USA & VATICANO
    2. Il partito comunista italiano 104 seggi (19%) appoggiato dall’ URSS
    3. Il partito socialista italiano di unione proletaria 115 seggi (21%) appoggiato da FIAT & industrie
    Il restante 25% frazionato ad “arte” tra molte voci inutili.
    Dal 2° governo De Gasperi 13/Lug/46 – 28/Genn/47 , è iniziata la storia italiana moderna-post bellica,con una alternanza politica di governo che si riassume così:
    il centro sinistra al potere per 56 anni circa
    il centro destra per 9 anni circa
    Non ho concluso l’indagine storica per gli 8092 Comuni, le Province e le Regioni ma vi anticipo che sono sempre gli stessi attori che hanno avuto (ed hanno ancora oggi, sotto altro nome) il potere in mano: PCI, DC, PSI. sostenuti a turno da partiti satellite con cui si sono divisi la torta.
    HANNO MONOPOLIZZATO TUTTO,si sono presi i Comuni,le Provincie,le Regioni,i Tribunali,i posti direttivi nelle aziende statali e parastatali più grandi del paese.
    Hanno creato corporazioni,cooperative, attività ed aziende para-statali.
    Hanno così, reso il popolo italiano suddito ad oltranza,dipendente votante non pensante e non vedente e sopratutto di parte.
    Questo nugolo di malfattori,spalleggiati dalle corporazioni sindacali, hanno fatto dell’Italia lo scempio che vediamo.
    Hanno creato un nuovo ceto sociale composto dal dipendente modello : l’italiota
    non pensante,non vedente &omertoso
    A lui in cambio del voto è stato dato il posto fisso statale generazionale.(Poste Italiane docet)
    Il posto fisso statale (dal Parlamento in giù) si può riassumere così:
    paga mensile: certa e sicura ,
    responsabilità: vicina o pari a zero
    Lavoro: poco, anzi pochissimo al giorno,
    ferie: pagate,
    malattia: pagata,
    assicurazione sugli infortuni e sulla vita: pagata,
    pensione di anzianità: pagata.
    Diritti certi, Doveri zero.
    Chiunque affermi che è stato solo mister B. a rovinare l’Italia è ignorante oppure è di parte.
    ANZI, è certamente di parte oltre che ignorante e difende il suo territorio e il suo datore di lavoro.
    LO STATO.
    PARTE 2° – LA MISERIA (d’animo)
    Di miseria l’italiota se ne intende, ne è un vero conoscitore nel paese dei voltagabbana più famoso al mondo: L’ITALIA dove vivono gli italioti
    L’Italiota guarda con attenzione il Festival, il Grande Fratello,e L’isola dei Famosi, il film più bello che ricorda è quello con Lino Banfi e bombolo. Non ha mai perso una puntata dei Pacchi, e sogna di poter partecipare ai “fatti vostri” i loro figli sognano di fare le veline o gli attori (mica so’ scemi !)
    Hanno “comunquemente” accesso al posto pubblico per eredità.
    Non ha mai letto un libro l’italiota, ma ricorda a memoria tutte le formazioni calcistiche della squadra del cuore,è sempre andato a votare e fedelmente ha votato DC o PCI o PSI
    (ci mancherebbe!)
    L’italiota è sempre “ di parte” è stato e sempre sarà dichiaratamente di sinistra & antifscista, questi “tratti somatici” lo contraddistinguono tra la folla, facilmente da oltre 50 anni.
    Oggi in qualunque luogo d’Italia si vada, in un qualsiasi ufficio pubblico si acceda,in qualsiasi associazione o cooperativa si faccia ingresso, ci si trova di fronte uno di loro .
    SONO OVUNQUE e presiedono tutti i posti cardine del paese, a partire dalle più alte cariche dello Stato,fino all’ultimo consigliere comunale.
    Il “SONO STATI LORO” è la frase che più somiglia agli italioti.
    Qualcuno di loro ,data la crisi che sentono e vedono alla tv ma che non vivono realmente (il loro stipendio è assicurato e sicuro) prova rimpiangere i politici della 1° Repubblica…..
    …Che gli prenda un colpo!!!
    Io se fosse possibile li manderei tutti alla ghigliottina,insieme a chi fa certe dichiarazioni o solo le pensa!! tutti inciucciati tra loro, LORO sono i primi responsabili del nostro presente, ficcatevolo bene in testa !!!
    Hanno pianificato a tavolino tutto, si sono divisi: primo e secondo,il contorno,la frutta,il dolce,il caffè e…….. l’amaro……..lo hanno lasciato a NOI ,ai nostri figli e ai figli dei nostri figli.
    RICORDATEVELO SEMPRE: LORO sono i primi responsabili del nostro presente !
    LORO vi hanno dato la carammellina e lo zuccherino e un posto da schiavi !!Vi hanno preso per il culo, imbonendovi con la sicurezza del posto fisso
    Vi hanno raggirato e schiavizzato e rincoglionito.
    Così tanto, da farvi diventare ciechi,così tanto ciechi da non vedere i miliardi e miliardi e miliardi e miliardi di soldi rubati dai vostri padroni…tonnellate di soldi.
    ah,dimenticavo, non siete ciechi……siete di parte !!!
    Siete i dipendenti senza paura, quelli progressisti di sinistra & antifascisti
    Ma ve li ricordate i picchetti rossi alle entrate della scuola ? (anni 70 ?) il 6 politico ?….
    :- eh,no,no quelli erano movimenti spontanei,la ribellione giovanile,no,no ti sbagli amico,lì si lottava veramente per un ideale!!!
    SPONTANEI ?? LA RIBELLIONE GIOVANILE?? IDEALE !!
    MA CHE …ZZO DITE?? MA CHE LOBOTOMIA VI HANNO FATTO???
    ah!scusate no,no, ora ho capito,ci ho messo 50 anni ma ho capito; siete di parte, siete tutti di parte,siete tutti dipendenti statali e parastatali ,Vi hanno procurato il posticino caldo,caldo,
    scusate tanto i miei loschi pensieri.Tanto Voi, il culo all’ascitto ce lo avete messo!!
    Gli italioti sono i primi “praticoni” una mano lava l’altra…. inciuciati anche loro e sono tanti…tantissimi,praticamente si sono piazzati ovunque!!!
    Somigliano un po’ al Padreterno, sono sempre tra di noi.
    Pensate solo agli impiegati statali,quelli che c’hanno l’amico con la tessera del PCI che ti ha sistemato il figlio dentro la ASL,o nell’Agenzia delle Entrate, quelli che con la tessera del PSI ti hanno sistemato come impiegato comunale,o in un Consorzio di “vattelappianterculo” a te e a tua sorella, oppure con la DC in qualche università a non lavorare,o magari alla RAI a grattarti i coglioni tutto il giorno ( la RAI di tutto di più..ti fa grattare),o forse all’ ALITALIA (prima che fallisse) forse all’ ufficio catasto del tuo comune di merda a fare parole crociate, oppure alle POSTE oppure ….magari a fare il sindacalista, oppure….continuatelo voi l’elenco, io mi sono rotto!
    Mi giro, guardo intorno e sono circondato!!! AIUTOOOOOOOOOOOOO!!!!
    Sono tutti di loro!!
    Queste personcine che indignate CI CREDONO e sanno di sapere, perbeniste, laiche,progressiste di sinistra & antifasciste ci credono per tornaconto personale,per ipocrisia, perchè la miseria alberga nei loro animi da secoli e per invidia che non guasta mai, averne un pizzico, all’italiota.
    Il problema sapientemente pilotato, ora è divenuto l’evasione,magari di un esercente di un bar che non fa lo scontrino fiscale pari a 0,90€……………mio Dio !…………….non ho parole.
    Quindi a far fallire l’Italia non è stata la corruzione e la malapolitica degli inciuci e degli sprechi, delle ruberie da orde barbariche perpetuate e perpetuanti negli anni ,
    75 anni di furti allo Stato , eseguiti dal 1° cittadino italiano, all’ultimo dipendente comunale dell’ultimo paesino di “non so quale Provincia”
    Senzachenessunoseneaccorgessesottolineatoetuttodifila

    MA ANDATE A PIJAVVELANTERCULO !!!
    Non siete ancora sufficientemente schiavi !

    Ma dato che la matematica è un opinione “progressista (che cazzo vuole dire?) & di sinistra
    Facciamo due conti :
    60 milioni di italiani da tassare
    di cui 20 ml c.a. non percettori di reddito
    restano 40 milioni di italiani da tassare
    di cui 20 ml c.a. di pensionati
    Restano 20 milioni di italiani da tassare
    di cui 12 ml c.a. di dipendenti pubblici e para -statali
    restano 8 milioni di italiani da tassare
    Di cui 5 ml c.a. di dipendenti privati (i lavoratori veri)
    Restano 3 milioni di Italiani da tassare
    Senza distribuirli al Nord o al Sud (basta saper guardare)
    Di cui 1 ml c.a. di industriali
    Restano 2 milioni di italiani, di Partite Iva ,di micro e piccole imprese,(gli innominati)di artigiani,gli altri, i sudditi, non si ribelleranno mai, fanno parte degli ingranaggi corrotti del sistema, magnano e zitti, tanto fanno tutti così…gnam,gnam,gnam,gnam,gnam,75anni di gnam,gnam,gnam.e di indignazione!!!
    Abbasso l’evasione fiscale !! Evviva Monti ! Gnam,gnam,gnam,gnam, sono indignato per la corruzione dei politici !!!Gnam,gnam,gnam,gnam,….
    Magnateve sto cippo !!Adesso che la carne è finita …stronzi!!!!!!
    indignateve sto’par di palle!!
    Questi benemeriti, farebbero parte, in una qualsiasi contabilità aziendale, di una partita di giro, cioè lo Stato, paga se stesso, trattenendosi dallo stipendio la parte di tasse dovuta ….sic! E con i soldi incassati dalle tasse il mese successivo ri-paga se stesso….. C’è da rimanere scemi !

    PARTE 3° -L’IGNORANZA (che mi assale)
    Non ditemi che un dipendente paga le tasse perchè non è vero, LE TASSE LE PAGA IL DATORE DI LAVORO, ed è iniqua la differenza di percentuale pagata tra un dipendente e un lavoratore autonomo…… -Oh Amico! Progressista, antifascista & di sinistra, una domanda :-
    Quando ti hanno assunto alla RAI, in Comune, alla ASL alle Poste, alle Scuole come bidello,al Comune come autista,ecc.ecc.ecc. Caro amico , non hai chiesto quanto era lo stipendio lordo ?
    No,no amico, non te ne fregava una benemerita sega! QUESTA è LA VERITà
    Volevi il posto sicuro al caldo con le ferie pagate e la malattia pagata per un diritto acquisito inalienabile,conquistato con lotte decennali dai sindacati (LOTTE ?) Ti spetta per diritto ereditario in quanto iscritto nelle liste di partito ed in quelle sindacali , poi però sparli delle caste come se tu fossi un angioletto ancora vergine eh? No eh?
    Adesso per comodo e perchè sei di parte (la parte dello stronzo) dici che il tuo sipendio è tassato…. e te ne accorgi solo adesso ???? MAVATTELAPPJIANTERCULO IPOCRITA !!!
    Dici che è giusto combattere l’evasione…….
    Certo che è giusto combattere l’evasione, ci mancherebbe,ma se le tasse da pagare allo Stato arrivano al 65 – 70% si chiama estorsione e non tassazione!!!Estorcere soldi è reato in qualsiasi altra parte del mondo!Anche nel Burundi!
    È Giusto “un par di palle”, sai che ti dico? Con queste percentuali è giusto non pagarle, è un diritto di sopravvivenza , è legittimo non pagarle.
    É legittimo inoltre perchè lo Stato non ci da’ niente in cambio,non c’è nulla che funzioni, non ci da’ una michia! Ci fa morire nelle corsie degli ospedali..ecco che ci da’ !!!
    No! Non è vero che non da’ niente amico; a noi NIENTE, ma a te LO STIPENDIO è garantito
    e con i tempi che corrono….. è un GRANDE PRIVILEGIO.
    Allora per non essere un Kriminale evasore, UN PARASSITA voglio e pretendo anche io l’assicurazione pagata dallo stato, voglio la certezza della pensione ,voglio la tredicesima & la 14° , voglio il rimborso del mancato profitto se mi ammalo,voglio la tutela degli insoluti,voglio la cassa integrazione se non c’è più lavoro…sono anni che non c’è più….perchè a me non viene data una cippa? Ma come ??
    ci avete sbriciolato i maroni per 50 anni con la parità e l’uguaglianza di diritto calce & martello e bla,bla,bla e adesso non conta più? O forse conta solo per gli iscritti ? Siete tutti troppo uguali??
    No ! Siete di parte! SIETE DIPENDENTI STATALI dentro e fuori.
    Perchè non ci sono sindacati che ci tutelano? perchè non organizzano cortei e scioperi per noi?
    Perchè NESSUNO NE PARLA???
    Perchè caro sindacato, non lotti e non hai mai lottato per esempio, a favore dei dipendenti del settore privato ?
    Li avete destinati a fare la fame!! Con stipendi da fame !! Stronzi di merda!!!!
    Loro sono figli illegittimi, non ti fanno la tessera e sopratutto lavorano!!!
    La concertazione ha partorito (con soddisfazione dei TITOLARI) al dipendente privato uno stipendio per poter morire di fame lentamente lavorando:IL MINIMO SALARIALE
    E voi corporazionisti non avete idea di come tutelare chi lavora veramente vero?
    Altrimenti se non vi foste (S)venduti al miglior offerente negli anni 70(suppongo la Fiat) gli stipendi degli operai oggi sarebbero come quelli dei lavoratori Mercedes, Audi o BMW cioè il doppio dello stipendio medio di un operaio italiano.
    VENDUTI….DI MERDA DALLA ERRE MOSCIA
    E noi partite IVA non siamo mai esistite non esistiamo se non per fare la parte del capro espiatorio dell’evasore………………………………
    MANDATEVELAPPIjANTERCULO !! …………….
    STRANDATEVELAPPIIJJANTERCULONALTRAVOLTA!!! TUTTI!!
    io lavoro 14 ore e più al giorno, Sabato compreso e mi faccio un mazzo così da anni,come tutti i commercianti,gli artigiani,i piccoli imprenditori, non ho ferie,non ho la malattia pagata,non ho la tredicesima e la 14° e la 15° e non ho neanche
    vostra sorella,…. che la conoscono tutti !!
    IPOCRITI E CORROTTI,
    IL PROBLEMA DELL’ ATTACCAMENTO ALLA POLTRONA è UGUALE
    DAL POLITICO, AL BIDELLO, AL SINDACALISTA ……IL POSTO NON LO PERDERANNO MAI…..IL PRIVILEGIO ?? ASSICURATO A VITA
    Qualcuno Vi ha raccomandati per stare lì dove state
    IPOCRITI E CORROTTI
    I PARASSITI veri, SIETE VOI
    Dal Presidente della Repubblica in giù,fino all’ultimo inconsapevole netturbino del più piccolo Comune Italiano…STRANDATELAPPIIJJAVVELANTERCULOOOOOOOOO
    ALLE ARMI !!!!!!! ALLE ARMI!!!!!!
    Agli asini si dà il bastone e la carota in alternanza e con maestria così, che il bastone non faccia troppo male. Il bastone oggi è grande come un randello e la carota ce l’hanno messa dove batte poco il sole, FA MALE! E CI SIAMO STANCATI:
    il tiro a piattello con il fucile iniziamo a farlo all’agenzia delle entrate, andiamo da Equitalia a fare…festa!!!Poi marciamo verso Roma.
    eh cazzo, siamo oltre 2 milioni di persone ! Facciamoci sentire!
    RIBALTIAMO ‘STI STRONZI DI MERDA FUORI DAI COJIONI, FUORI DAL POSTO PUBBLICO,FUORI DAI COJIONI TUTTI !!!
    ABBIAMO CAMPAGNE VUOTE DA COLTIVARE, TERRENI DA BONIFICARE E RISANARE,……….e cazzo !!
    Ridiamo la campagna ai contadini!
    Togliamoli dalle cariche pubbliche,abusivamente occupate , grazie alle raccomandazioni di partito, per manifesta e palese incapacità, e per negligenza.
    Prendiamone uno, per esempio..che ne so…Rutelli, mandiamolo a zappare la terra!!
    Facciamogli provare la fatica di lavorare veramente
    Togliamoceli dalle palle e facciamoli lavorare nei campi!
    Togliamoceli tutti dagli Uffici,dai Comuni dalle Provincie dalle Regioni,dal Parlamento,dal Senato,dalle ASL , dai Consorzi di Bonifica, dalla RAI, facciamo assaporare a questi stronzi il gusto di non sapere quando e se verrai onorato per il tuo lavoro,facciamo assaporare loro il piacevole gusto di prenderlo sempre e da ogni parte nel culo,di non riscuotere le fatture emesse, ma di doverci pagare sopra anche le tasse!
    Facciamogli provare il brivido di dover fare del lavoro nero PER NON FALLIRE, PER SOPRAVVIVERE.
    Facciamogli provare l’emozione di vedersi arrivare in negozio i peggiori topi di fogna statali: la Guardia di Finanza,gli ispettori del Lavoro, gli ispettori INPS,ASL,SIAE………….fino a farti chiudere e passare la voglia di essere in commercio.
    Facciamogli provare il gusto di essere tartassato da decenni e oggi anche esposto al pubblico ludibrio come un Kriminale !!!(con la K…come i Kulaki)
    Una proposta progressisti,radicali, laici di sinistra & antifascisti:
    Alterniamoci!!
    Per i prossimi 50 anni ci scambiamo il posto……io preferirei un posto in una biblioteca comunale,sapete? sono appassionato di libri e di parole crociate.
    Ma sopratutto vorrei provare il dolce far niente…..stipendiato.

    Ah! una dimenticanza dal titolo iniziale ; tra questi soggetti che tanto si indignano e che ci credono, DIPENDENTI DELLO STATO, di sinistra & antifascisti…..una parvenza di nobiltà ….nessuna traccia.

  5. Il punto fondamentale è il 5, ma se si capisse che gli statali da licenziare sono parlamentari , senatori e manager di stato incontrollati e incontrollabili, si eviterebbe un’inutile e sterile contrapposizione tra pubblici e privati che ricorda una semplice partita tra scapoli e ammogliati : un ragionamento tanto generalizzante è davvero autosqualificante.
    E sicuramente la strategia meno intelligente per una causa indipendentista…

  6. E adesso che l’art.18 non c’e’ piu’ succedera’ un 48..!

    Ci saranno lavori a iosa quindi adesso si, si potra’ dire: venite che abbiamo bisogno di manodopera..!!!

    VENITE KAX AL KUBO, anche perche’ i nostri NON VOGLIONO PIU’ LAVORTARE..!

    Infatti sono sempre a casa senza far nulla..!!

    ECCO IL LORO POSTO FISSO che annoia e vicino casa davvero: LA DISOCCUPAZIONE..!!!

    Kari stranieri, guardate che se non venite spontaneamente, vi veniamo a prendere con la forza..!!!

    CAPPITTOMMIAVVETTE..??

    Allora alla via cosi’:

    GOVERNO ALL’INFERNO

    GOVERNO ALL’INFERNO

    da ripetere in qualsiasi momento, come se fosse una preghiera di chi sta male, fin che andra’ davvero li’..!!!

    BASTA ITAGLIA

    BASTA FARISEI…

    BASTA TAGLIANI…

    BASTA kax…
    .
    .
    .
    .
    …sono stanco d’esser bianco,
    la mia faccia voglio tingere di ner…
    Oh oh oh oh…
    .
    .
    Eppoi,
    preghiamo. Preghiamo che il mio e il vostro sacrificio sia favorevole a loroo..!!
    Beh, sono dei grandi magnoni..! Basta vedere le loro paghette..? Se sono cosi’ alte e’ perche’ magnano davvero tanto..!!

    Amennn

  7. Gli statali sono l’esercito e il serbatoio di voti del centralismo. Per questo motivo Rom ha deciso di mantenerli ancora, a costo di chi lavora e diventerà sempre più povero.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Articoli recenti