COVID 19, IN URUGUAY POCA QUARANTENA E NIENTE “STATO DI POLIZIA”

di VALERIA CHAVEZ Pochi paesi al mondo potrebbero essere designati come “vincitori della battaglia contro il coronavirus”. Si contano sulle dita di una mano. L’Uruguay è uno di loro. Un recente  articolo  sul  British Medical Journal  (BMJ) lo propone come il  “vincitore” contro il coronavirus in America Latina, una regione fortemente colpita dalla pandemia . L’Uruguay è un esempio di come con misure semplici e il monitoraggio della scienza si sia posizionata al di sopra dei paesi più ricchi nella lotta al nuovo coronavirus. L’epicentro della pandemia di pochi mesi fa si è trasferito in America Latina. Mentre l’Europa inizia a sperimentare alcuni focolai, l’altra parte del mondo continua a soffrire di alcuni dei peggiori tassi di COVID-19, con oltre 7.600.000 di infezioni registrate (positività al virus, ma perlopiù asintomatici, ndt). “Ma nel Cono Sud della regione c’è un caso atipico tra il Brasile e l’Argentina”, sottolinea la pubblicazione. L’Uruguay ha confini anti-SARS-CoV-2? La sua popolazione relativamente piccola – 3,5 milioni di persone – ha reso più facile…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Rubriche FuoriDalMondo