mercoledì, Novembre 30, 2022
2.9 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Da gheddafi a putin, le pessime amicizie di silvio berlusconi

Da leggere

di PONGO

Che problemi sono i figli! Da sempre, in passato ed ora, anche se adesso forse è pure peggio. Veramente anche i genitori oggi sono un problema e basta sentire quel che succede quotidianamente con figli uccisi, sgozzati con le forbici ed   altro.  Ma ammettiamo che i genitori “non-assassini” spesso sono comunque nevrotici, assenti, fuori-di-testa, pessimi esempi per  i loro figli  che  in casa respirano un’aria spesso brutta. L’assenza o la distrazione dei genitori porta a comportamenti pericolosi dei figli che non hanno punti di riferimento, non sanno cosa è bene e cosa è male. Basterebbe la buona educazione, il sapere che la mia libertà finisce dove comincia la tua e non dovrebbe essere troppo difficile da insegnare ai nostri pargoletti. Spesso i genitori sono peggio di loro e  non sono affatto sorpreso dalle baby-prostitute o da comportamenti fisici e mentali aberranti spesso di violenza. Basta andare in luoghi frequentati da giovani e giovanissimi, io vado ogni settimana in una scuola media a lavorare, e  rendersi conto di  quanti 12-13-14enni sono su livelli  da  incivili. E’ difficile, difficilissimo crescere i nostri figli, ma l’assenza o il cattivo esempio che noi diamo a loro sono pessimi regali che i poveretti si porteranno dietro per tutta la vita.

E’ chiaro che i figli dovrebbero frequentare amicizie di una certa qualità e valore mentre abbiamo sotto gli occhi bruttissimi esempi, come Silvio Berlusconi. Che cavoli di amici si va a scegliere?!?   Vladimir Putin, ex-ufficiale dei servizi segreti ed ex- membro del partito comunista sovietico, fino a diventare colonnello del KGB. Mezzo mondo sta ora protestando duramente contro Putin  per le gravi questioni in Ucraina e nella Crimea. Evidentemente che siano Sovietici o Russi, dopo un po’ di tempo da quelle parti c’è una vera necessità di invadere le terre confinanti, e Putin non fa nulla per cambiare la tendenza. Lui non è affatto un bravo ragazzo e tutto il mondo lo sa, tranne Silvio. Berlusconi. Poco prima che gli venisse tolto il passaporto, andò a far visità al suo amico fraterno, dimenticando, come sempre ( perché Silvio ogni giorno dimentica le cose dette e fatte ieri) che a livello mondiale Putin è considerato un uomo politico autoritario ( non autorevole ma autoritario) e oligarchico e con contorni decisamente dittatoriali, decisamente il massimo della vita per le ambizioni politiche di Berlusconi. Putin è anche accusato di numerose violazioni dei diritti umani, ricordiamo in particolare in Cecenia, e di limitare spesso la libertà di espressione, come per esempio la sua probabile connessione con la morte della giornalista anti-Putin Anna Politkovskaja, uccisa da un probabile sicario a pagamento  nell’ascensore di casa.

Il presidente russo è considerato anche mandante per gli omicidi di parecchi  dissidenti. Insomma ci sono mille e mille ragioni per cui il caro Silvio lo consideri un vero e fidato amico, tipo Pinocchio e Lucignolo, amicizia saldata dai numerosissimi soggiorni dell’uno in Sardegna e dell’altro nelle dacie private vicino a Mosca. E l’abbraccio commovente con bacio  di profonda amicizia tra Silvio e Gheddafi? Peccato che Gheddafi non ci sia più, almeno così pensa Silvio, infatti il dittatore libico era un modello ed una guida per il nostro ex-primo ministro. Silvio avrebbe voluto governare a lungo l’Italia, come Gheddafi  fece con la Libia, per ben 42 anni (1969-2011) ma cambiando però spessissimo direzione e ispirazione  del Paese (prima dittatura militare poi si avvicinò al socialismo arabo, quindi il “regime delle masse” ispirato all’incontro tra islam, socialismo e capitalismo, spiegato nel libro verde ma comunque sempre e immancabilmente solo lui) insomma, una perfezione di chiarezza che ha sempre influenzato l’amico Berlusconi che fa un passo avanti e due indietro.  Si potrebbe andare avanti a mille per trovare aspetti edificanti degli amici di Silvio Berlusconi, che ha o ebbe, come le Sue simpatie per Mubarak e Bel Alì, amicizia sconfinata nell’inaugurazione di una Tv araba di cui Berlusconi è parter.  Diciamo che Silvio è sempre molto attratto da figure dittatoriali spesso sanguinarie e peccato per Lui che, accidentaccio,  per una decina d’anni il Suo periodo politico non sia coinciso con quelli di Idi Amin e Bokassa, i dittatori africani che per Silvio sarebbero stati due grandi Maestri, compresi gli eccessi di cannibalismo (seppure sono solo i comunisti che mangiano i bambini) infatti così Lui si sarebbe sbarazzato dei giudici rossi che l’han rovinato. A livello locale, ricordiamo in tempi lunghi e brevi altri Suoi grandi amici come Licio Gelli, Cesare Previti, Gianpaolo Tarantini, Valter Lavitola, Marcello Dell’Utri, Bettino Craxi e molti altri, dai quali ha preso non quei pochi aspetti forse positivi che ci saranno anche stati in alcuni di loro, ma sicuramente il peggio di tali persone e frequentazioni.  Poi a  livello  di puro apprezzamento intellettivo ricordiamo la straordinaria amicizia tra Berlusconi e George W. Bush ! Quanto Silvio lo ha apprezzato, sììììì, proprio lui, George W. Bush, il più deficente di tutti i 44 presidenti statunitensi!

E queste sono le amicizie e i rapporti fraterni voluti e coltivati da Silvio Berlusconi che avendo a che fare con gente del genere si sta rovinando e quando da ragazzo diventerà poi adulto non so che tipo di persona sarà diventato. La cosa mi preoccupa molto.  Quindi state attenti, non perdete l’attenzione per i vostri figli, introduceteli in ambienti sani, belli e stimolanti in modo che frequentino persone intelligenti, con le quali svolgere attività sia di formazione che di divertimento, ma certo si divertano e ridano,  ma da persone belle e intelligenti,  non da stupidi  imbecilli. Perfino un nulla di speciale come Angelino Alfano circa un mese fa ha capito che “ Berlusconi è irriconoscibile e si è circondato di troppi inutili  idioti!” E se l’ha detto Alfano…

- Advertisement -

Correlati

3 COMMENTS

  1. Pongo hai sgarrato di brutto questa volta.
    Gheddafi ucciso dalla Nato per impossessarsi dell petrolio libico, con la libia
    che adesso e´ mezza occupata dall´Isis.
    Putin ha solo ristabilito l´ordine in Crimea dove un colpo di stato finanziato da USA ed Europa
    aveva portato al governo un partito “fantoccio” che aveva truccato le elezioni.
    Dopo il referendum del 2014 il 97% dei cittadini della crimea hanno votato per l´annessione
    con la Russia.
    Pongo non te la prendere.
    A tutti capita un fail… ogni tanto !

  2. Le origini della demonizzazione mediatica di Putin sono riconducibili a un conflitto etnico molto più grande di quello ceceno, e, a differenza del maronietta kenyano, lui ha del potere.

  3. Caro dott. Pongo, la seguo sempre con interesse anche se non sempre condivido in toto i suoi ragionamenti.
    In questo caso non punterei sulle amicizie sbagliate di Berlusconi, che sembrano davvero poco ortodosse e pessimamente scelte, ma su cosa in crimea desiderino i russofoni e cosa gli ucraini.
    Se da indipendentisti aneliamo una società più libera ed una “patria” non soggiogata dall’itaglia, non possiamo che guardare con favore chi, non cadendo negli inganni delle notizie mediaticamente diffuse su come sia bella l’europa e di come si debba desiderare di far parte di un’ unione europea (unione …….. cosa mi ricorda?) che somiglia troppo ad un’altra che solo vent’anni fa contrastavamo e che si contrapponeva al mondo occidentale, quella sovietica governata dal comunismo e che ha fatto tanti danni alle genti che abitavano i suoi confini e della quale tali genti hanno voluto liberarsi preferendo il rischio della “libertà” economica alla certezza della miseria di stato, chi dicevo voglia restare legato alla russia che cerca di riorganizzarsi in modo più democratico con tutti i limiti che il retaggio dittatoriale presenta.
    Putin pessimo elemento? Già, ma persona determinata e se vogliamo meno ipocrita dei politici occidentali che svendono il futuro dei propri popoli per meri calcoli finanziari, senza minimamente considerare a cosa queste sciagurate scelte possano portare.
    Vede, preferisco, anche se le potrà sembrare assurdo, un Putin con un passato discusso e discutibile che prende la decisione di aiutare chi liberamente sceglie di non entrare nel recinto dei sacrifici umani perchè, consciamente o meno, prova ad usare la testa per non uniformarsi al mondialismo e per provare a trovare una via alternativa a ciò che ci viene prospettato come ineluttabile.
    Di certo a mio giudizio meglio di Obama che osannato dal mondo dimostra di aver chiacchierato molto, ma di non essere stato in grado che di spostare verso la miseria, la disoccupazione e l’assistenzialismo di stampo comunista la nazione più sviluppata del mondo, che riceve un nobel per la pace quando dichiara guerra ad un paese sovrano per favorire l’ascesa al potere dell’islam nel nord africa per riunirlo al medio oriente sacrificando di fatto il sud europa e condannandolo ad una invasione pericolosissima per le future generazioni.
    Ah, dimenticavo, Obama osannato perchè di sinistra e nero, in quell’ipocrisia benpensante che fa il paio per esempio con la stucchevole manfrina delle quote rosa in itaglia e che sembra voler regalare rendite di posizione non già in seguito a reali capacità, ma perchè parte di qualche razza mitizzata o ad un genere sessuale che di questi tempi va tanto di moda.
    Berlusconi niet, ma anche europa niet ed Obama niet, islam niet ed in questa serie di negazioni, chissa che un Putin da, oltre al pericolo di una guerra che si potrebbe estendere all’intero pianeta non porti una nuova consapevolezza nelle persone e che non le guidi verso il giusto ed il rifiuto dell’ineluttabilità di decisioni che altri ci calano sulla testa costringendoci a genufletterci e prostrarci di fronte a loro.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Articoli recenti