IL “DIRITTO ALLA REPUTAZIONE” NON ESISTE. QUALCUNO LO SPIEGHI AD EQUITALIA

di GIOVANNI BIRINDELLI Alla lunga lista di persone perseguite legalmente dallo stato per aver espresso il proprio pensiero è stato aggiunto di recente Lucio Chiavegato, il quale è stato rinviato a giudizio a Roma per aver «offeso la reputazione di Equitalia»[1]. È sempre utile ricordare che perfino negli Stati Uniti il reato di diffamazione dello stato, di sue agenzie o di ‘pubblici ufficiali’ non esiste[2]. E la ragione per cui non esiste è che è stato riconosciuto che se esistesse ciò costituirebbe una violazione del Primo Emendamento, cioè della libertà di espressione[3]. (In Italia, invece, non solo il reato di diffamazione dello stato, delle sue agenzie e dei suoi ‘pubblici ufficiali’ esiste, ma addirittura si parla in questi giorni di inasprire la pena di chi diffama un politico o un magistrato rispetto a quella di chi diffama un privato[4]). Al di là dell’esistenza o meno del reato di diffamazione nei diversi paesi e in relazione alle diverse tipologie di soggetti (pubblici o privati), la ragione…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Rubriche ControPotere