ECCO PERCHÉ IL NAZISMO È SOCIALISMO E IL SOCIALISMO È TOTALITARISMO (Parte-2)

Condividi su MeWe: liberi articoli su liberi social!

di GEORGE REISMAN Le attività sul mercato nero comportano altri crimini. Sotto il socialismo di fatto, la produzione e la vendita di beni nel mercato nero comporta il mancato rispetto delle regolamentazioni statali riguardanti la produzione e la distribuzione, così come il non rispetto dei controlli sui prezzi. Per esempio, gli stessi beni che sono venduti sul mercato nero lo stato intende che siano distribuiti in accordo con i suoi piani, e non sul mercato nero. I fattori di produzione usati per produrre questi beni sono ugualmente intesi dallo Stato come da usarsi secondo la sua pianificazione, e non allo scopo di rifornire il mercato nero. Sotto un sistema di diritto socialista, come quello della Russia sovietica, in cui il codice legale del paese apertamente ed esplicitamente rende lo Stato proprietario dei mezzi di produzione, ogni attività sul mercato nero comporta necessariamente l’appropriazione indebita o il furto della proprietà statale. Per esempio, i lavoratori o i manager delle fabbriche nella Russia sovietica che facevano uscire…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Condividi su MeWe: liberi articoli su liberi social!
Rubriche ControPotere