LA PRESUNZIONE DELLA DEMOCRAZIA, UNA RELIGIONE DI SINISTRA (1° PARTE)

di PAUL GOTTFRIED Tra le religioni che sostituiscono un indebolito Cristianesimo in Occidente, il più insidioso può essere il culto della “democrazia”. Ciò che rende questa forma di idolatria (si noti che il giornalista neoconservatore Norman Podhoretz una volta si è descritto come un «idolatra della democrazia») particolarmente difficile da fermare infuria tra i presunti portavoce della Destra. Margaret Thatcher e Ronald Reagan hanno parlato spesso in pubblico circa la loro devozione a quelli che hanno pensato essere ideali democratici universalmente esportabili. In effetti il ​​presidente Reagan, in un discorso ampiamente pubblicizzato davanti al Parlamento inglese l’8 Giugno del 1982, dichiarò che il sacro dovere delle due democrazie era «contribuire alla campagna per la democrazia» in tutto il mondo. Non c’era via di mezzo o terza via da prendere in questa missione. Da una parte c’era il record di un «sanguinoso secolo afflitto da totalitarismo» e, dall’altro, le “democrazie”, che avevano salvato il mondo con «ideali democratici». Il presidente Reagan prese anche l’iniziativa creando la…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Rubriche ControPotere