martedì, Agosto 9, 2022
23.9 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

I parassiti della lotta alla povertà con mezzi politici

Da leggere

di MATTEO CORSINI

Anche chi si occupa di ridurre la povertà può farlo con mezzi economici o con mezzi politici, parafrasando Franz Oppenheimer. Oxfam è probabilmente la più grande organizzazione che lo fa per lo più con mezzi politici, approfittando di ogni occasione mediatica di un certo rilievo per pubblicare studi in cui l’uso della statistica nell’elaborazione dei dati sulla distribuzione del reddito fanno sembrare Trilussa un luminare della materia, per arrivare sempre alla stessa conclusione: l’esortazione ai politici di redistribuire maggiormente la ricchezza mediante la tassazione.

Personalmente ho grande rispetto per chi si occupa di aiutare chi si trova in condizioni economiche o di salute precarie, ma guardo sempre con sospetto chi lo fa (o dice di farlo) pensando più a chiedere ai politici che il conto sia coercitivamente a carico di questa o quella categoria invece che chiedere semplicemente un aiuto volontario. Nel caso di Oxfam il sospetto ha da tempo lasciato spazio al fastidio.

In occasione della celebrazione dei 60 anni dalla firma dei Trattati di Roma non poteva mancare un appello (l’ennesimo, sempre lo stesso) da parte di Oxfam. Infatti non è mancato. “In occasione delle celebrazioni sui Trattati di Roma e delle tante dichiarazioni politiche che i leader stanno rilasciando sul futuro dell’Unione, chiediamo al Presidente del Consiglio Gentiloni di esprimersi pubblicamente a sostegno del disegno della TTF europea che sta emergendo dal negoziato in corso, auspicando il raggiungimento dell’accordo entro l’estate 2017 ed assumere l’impegno pubblico a destinare il gettito dell’imposta a misure di lotta alla povertà in Italia, a programmi di cooperazione internazionale allo sviluppo e a interventi di contrasto al cambiamento climatico”.

TTF è l’acronimo di Tassa sulle Transazioni Finanziarie, in Italia già applicata e recentemente rilanciata da Matteo “non aumento le tasse” Renzi. Segue una stima di gettito che, solo in Italia, sarebbe compreso tra 3 e 6 miliardi ogni anno. Mi limito a osservare che anche chi non è filosoficamente contrario alla tassazione ha da tempo espresso un parere negativo su questo tipo di balzello, che finisce sempre per danneggiare il mercato a cui è applicata, oltre a dare un gettito ampiamente inferiore alle stime di chi la propone.

Ma tutto questo non conta per i professionisti della lotta alla povertà con mezzi politici.

————————————————————————————————————-

- Advertisement -

Correlati

1 COMMENT

  1. Una specie di tobin tax.
    Fallita ovunque se ne sia tentata l’introduzione.
    Io vedo molto bene, invece, l’esenzione totale di qualsiasi transazione finanziaria ed immobiliare.
    Tutto quanto concerne investimento e risparmio dovrebbe essere detassato completamente.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Articoli recenti