sabato, Luglio 13, 2024
23 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

In un mondo normale…

Da leggere

di PIETRO AGRIESTI

In un mondo normale, la proposta di abolire le principali fonti energetiche da cui dipende la società – pressoché ogni bene o servizio, compresa la capacità di affrontare condizioni climatiche avverse e far fronte a disastri naturali – apparirebbe prima facie folle.

Idem la proposta di negarle a paesi non ancora sviluppati e in condizioni di povertà energetica. Negare a paesi che, viste le loro condizioni attuali, sviluppandosi anche solo in una certa misura avrebbero enormi benefici sotto ogni aspetto, apparirebbe prima facie criminale e assassina.

Non dico che tutto ciò che appare folle lo sia, perché esistono cose controintuitive, ma in un mondo normale la posizione di partenza sarebbe questa: estremo, estremo, estremo scetticismo verso chi si presentasse con idee simili.

Nel mondo al contrario le cose stanno invece – giustamente- al contrario e dunque prima facie appare a tutti folle e criminale difendere l’uso delle principali fonti energetiche a nostra disposizione.

Tanto che nella gran parte delle discussioni che sentiamo sulla necessità di abbandonare i combustibili fossili, non si sentono mai – MAI – menzionare i loro enormi, giganteschi, straordinari benefici, né si sentono mai menzionare gli enormi, giganteschi, straordinari, costi umani di farne a meno, per noi paesi sviluppati e per tutti i paesi poveri o in via di sviluppo.

Il solo fatto che se ne discuta come se avessero solo svantaggi, e come se eliminarli avesse solo benefici, ci dice che la discussione si svolge tra pazzi e che viviamo in un manicomio.

Correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Articoli recenti