giovedì, Agosto 11, 2022
23.8 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Io padano dico che la toscana ha il diritto di essere indipendente

Da leggere

toscanadi GIANFRANCESCO RUGGERI

Ho letto con interesse le parole di Emiliano Baggiani apparso su questo giornale qualche giorno fa, parole che trovo pienamente condivisibili e che rappresentano un distillato di buon senso indipendentista. Baggiani infatti ha ragione da vendere quando sostiene che toscani e padani non dovrebbero farsi la guerra, ma dovrebbero collaborare contro il comune nemico: è ora di finirla con la vecchia storia dei capponi di Renzo che si beccano tra loro, mentre sono sulla strada che li porterà in padella!

Perché litigare tra noi se i giornali danno grande risalto all’alluvione di Firenze ed ignorano quello che ha colpito la riviera del Brenta? Che colpa ne hanno i toscani che hanno anche loro il tetto scoperchiato? Per Baggiani la spiegazione di questo diverso atteggiamento giornalistico è forse rintracciabile nell’attuale periodo estivo povero di notizie. Può darsi… e se invece fosse stata solo colpa della Rai romano centrica non sa come inviare i suoi uomini nel lontano Veneto? E se fosse la piaggeria di una classe giornalistica che ha deciso di parlar a lungo di Firenze per ingraziarsi il capo di governo, sperando di ricevere un premio o per lo meno di non finire sull’agendina nera dei rottamabili? Quale che sia la motivazione principale è innegabile che questo palese doppiopesismo è in qualche misura funzionale anche alla vecchia logica del divide et impera: se toscani e padani litigano a Roma dormono sonni più tranquilli.

Ovviamente noi ci caschiamo sempre come polli o come capponi e quel che è grave è che spesso e volentieri ci cascano anche gli indipendentisti, anzi talvolta i più polli, leggasi capponi, sono proprio gli indipendentisti, decisamente più interessati a litigare con il vicino di casa che con l’oppressore comune. Da anni si assiste all’increscioso spettacolo della guerra per bande, gruppi e gruppuscoli in continua lotta tra loro, senza contare il turbinoso ricambio, con raggruppamenti che si formano e scompaiono di continuo, perché non è solo una guerra per bande, ma è guerra anche all’interno delle varie bande: litigiosità, personalismi, deliri di onnipotenza, stati di esaltazione ed un corollario di infantilismi da asilo, che non portano a nulla di buono ed intanto a Roma se la ridono.

TOSCANA ANTICAÈ per questo che la mano tesa di Baggiani va stretta, perché l’idea di collaborare è di per sé ottima, prima liberiamoci dall’i-taglia, poi eventualmente litigheremo su tutto il resto, ma solo poi. A maggior ragione va stretta, perché poi non sembra neppure che ci sia alcunché su cui litigare. Sono infatti perfettamente d’accordo nel ritenere che la Toscana non solo non è i-taglia, ma non è neppure Padania, eccezion fatta per Massa e poco altro, insomma la Toscana è Toscana, punto, non ci sono storie. Questa visione delle cose ci consente anche e finalmente di chiarire l’equivoco dovuto al pressapochismo della dirigenza leghista che a seconda degli umori del momento ha allungato o ristretto la Padania come fosse una fisarmonica includendovi o meno la Toscana, l’Umbria o le Marche. Il fatto che la Lega si stia disinteressando sempre più della questione padana ci consente per lo meno di fare un po’ di chiarezza sul tema e di rimediare con calma ai molti danni fatti: sia chiaro, la Padania finisce sulla linea Massa – Senigallia. Possiamo quindi ben dire che se Padania e Toscana diventassero indipendenti domani non vi sarebbero neppure annose dispute di confine come di frequente accade e potremmo celebrare l’evento in modo amichevole con Gilberto Oneto e Sergio Salvi, in rappresentanza delle rispettive nazioni finalmente libere, che si stringono la mano sul confine.  

Vi è infine un ultimo elemento presente nella lettera di Baggiani su cui vale la pena di riflettere: lui, toscano di Livorno, riconosce la Padania e le riconosce il diritto ad essere indipendente e non è cosa da poco. Spesso e volentieri gli indipendentisti si limitano a coltivare il loro piccolo orticello senza una visione d’insieme, nella migliore delle ipotesi al padano basta la Padania, al toscano la Toscana, al sardo la Sardegna così ognuno di noi è da solo nella sua battaglia, per di più si immagina che al di fuori del suo territorio di riferimento ci sia solo indifferenza se non ostilità. Padani o toscani o sardi da una parte e l’i-taglia dall’altra, la partita è sempre vista come un testa a testa tra un territorio debole e lo stato forte, invece è possibile immaginare un terzo soggetto, che interviene nella disputa. Da anni lo stato i-tagliano ripete che la Padania non esiste, ovviamente noi ribattiamo che esiste bel et bien e in questo “battibecco” infinito sarebbe molto utile l’intervento di un cittadino i-tagliano non padano che alza la manina e dà ragione i padanisti, sentenziando che la Padania non solo esiste, ma che ha diritto ad essere indipendente. Maggiore sarà il numero di cittadini i-tagliani non padani pronti a sostenere che la Padania esiste ed ha diritto ad ottenere la sua indipendenza e maggiore ascolto troveranno le nostre rivendicazioni presso la pubblica opinione, in particolare maggiore sarà il numero di non padani che ci riconoscono, più facile sarà convincere i nostri stessi conterranei, quei tanti padani sonnacchiosi, dubbiosi, diffidenti o semplicemente rimbambiti dalle italiche balle.

Per questo motivo io cittadino i-tagliano non toscano dichiaro che la Toscana non solo esiste, ma che non è i-taglia e che ha tutto il diritto di essere indipendente e con questa mia presa di posizione spero di far riflettere i tanti toscani che proprio come molti padani sono sonnacchiosi, dubbiosi, diffidenti o semplicemente rimbambiti dalle italiche balle!

Stiamo quindi parlando di un riconoscimento reciproco, noi riconosciamo voi e voi riconoscete noi e questo modo di agire è l’esatto opposto del divide et impera. Non ci dobbiamo neppure limitare a padani e toscani, in questo processo di riconoscimento dobbiamo coinvolgere per lo meno anche sardi e tirolesi, che magari si trovano in condizioni differenti dalle nostre, ma che potrebbero come noi essere interessati ad evadere dallo stato i-tagliano. Così facendo cambieremmo le regole del gioco, non più un territorio debole contro lo stato forte, ma tanti territori non più così deboli contro uno stato non più così forte e forse a quel punto il risultato della sfida non sarebbe più tanto scontato.

Padania libera… anche dal divide et impera!

- Advertisement -

Correlati

2 COMMENTS

  1. Io sono Padano e sono molto dispiaciuto allo stesso modo per quanto è accaduto in Veneto e in Toscana, ma evidentemente le istituzioni
    itagliane non danno alle regioni lo stesso peso, in Toscana si è scomodato a fare una visita il presidente della repubblica cosa che non ha fatto per il Veneto e allora come la mettiamo? Indipendenza subito a chi la vuole!!!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Articoli recenti