ITALIA, QUELLA QUESTIONE MERIDIONALE PERENNEMENTE IRRISOLTA

di ROMANO BRACALINI Non si è poveri per volontà divina, non c’entra il clima o la cattiva sorte. Un paese non è mai “naturalmente” povero. Sono gli uomini che cambiano la natura delle cose. Ma solo se lo vogliono. La Svizzera nell’Ottocento era un paese povero e gli svizzeri erano costretti a emigrare;  la Lombardia fino al XV secolo era un acquitrino. Oggi è la regione più dinamica e ricca d’Europa. Il Mezzogiorno d’Italia non è sempre stato misero. Era uno stato floridissimo al tempo della monarchia sveva che aveva abolito il feudalesimo, che poi è ricomparso con le successive dominazioni. La cultura vi fioriva con lo Studio napoletano e la scuola medica di Palermo. Erano state abolite le dogane interne, tre secoli prima che in Europa. C’erano grandi porti e potenti arsenali a Napoli, Brindisi, Salerno, Amalfi e Messina. Vi prosperava l’industria del cotone e dello zucchero. Lo Stato cedeva quasi gratuitamente le terre perché vi si piantassero le viti. Con la dominazione spagnola…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche CronacheVere