Lega: se Salvini si “gioca la testa” con le Europee di maggio

Condividi su MeWe: liberi articoli su liberi social!

di GIANMARCO LUCCHI La Lega è in piena campagna elettorale. Galvanizzata dal successo francese di Marine Le Pen, con la quale il Carroccio ha stretto un patto, Matteo Salvini gioca tutte le carte per riuscire a superare lo sbarramento del 4% alle consultazioni del 25 maggio. Il giovane segretario federale sa benissimo che quello sarà un momento decisivo: se la soglia non dovesse essere superata, si aprirebbe una fase talmente travagliata che potrebbe condurre il movimento belleriano verso una sorta di dissoluzione, cominciando magari dalle dimissioni dello stesso Salvini. Ecco allora che vengono messe in campo le parole forti del Carroccio: indipendenza, basta euro, stop all’immigrazione di massa. Dopo il Veneto, la Lombardia. Il segretario rilancia la secessione della più grande delle regioni del nord annunciando «un referendum ufficiale indipendentista». Che come nel caso della Catalogna, chiamata a novembre a votare l’indipendenza dalla Spagna, rappresenta »un salto in avanti e non indietro«. Altra priorità, ribadisce il leader del Carroccio, uscire dall’euro. Che, d’altro canto, »è…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Condividi su MeWe: liberi articoli su liberi social!
Rubriche Il Meglio della Settimana Palazzi & Potere