NEL PAESE AMATO DA RAZZI E SALVINI, LEVA OBBLIGATORIA PER LE DONNE

Condividi su MeWe: liberi articoli su liberi social!

salvini razzi coreade IL  POLENTONE

Chi ha davvero la libertà a cuore sa bene due cose: la prima, dire leva obbligatoria significa parlare di sequestro di persona da parte dello Stato; la seconda, la guerra è la salute degli Stati.

Dal paese ammirato dal segretario della Lega Nord, Matteo Salvini, e dal suo compare Antonio Razzi è giunta una novità.

La Corea del Nord ha deciso di istituire la leva militare obbligatoria per le donne, di età compresa tra i 17 e i 20 anni, per rafforzare le forze di difesa della nazione che conta già su un esercito di 1,2 milioni di effettivi. Alla fine del 2014, è stato detto, “abbiamo ricevuto ordini per tutte le donne che hanno concluso le scuole medie e superiori di prepararsi per la leva militare obbligatoria”. Gli uomini devono servire per 10 anni mentre il servizio obbligatorio per le donne è fino ai 23 anni.

Difendere la nazione, un classico del patriottismo. Eppure, una volta gli indipendentisti citavano lo storico Samuel Johnson, che diceva che “il patriottismo è l’ultimo rifugio dei mascalzoni”. 

Condividi su MeWe: liberi articoli su liberi social!
Rubriche IlPolentone