lunedì, Settembre 26, 2022
14.2 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Nell’italia dei pulcinella, ora ostia vuole la “secessione” da roma

Da leggere

di REDAZIONE

In Italia tutto finisce in pagliacciata, soprattutto quando si tratta di argomenti come federalismo e autodeterminazione, visti i risultati di 30 anni di leghismo e il quesito del prossimo referendum “sulla presunta autonomia” di Veneto e Lombardia del prossimo 22 ottobre.

E’ tutto talmente una pagliacciata che la matrigna di tutti i centralismi, Roma ne è protagonista indiretta. Un gruppo di “imprenditori, professionisti e intellettuali” di Ostia vuole  promuovere un referendum per ottenere l’indipendenza dalla Capitale e costituire il “Comune di Ostia e Ostia Antica”, così da diventare il Comune numero 7979.

Ostia, oggi, fa parte del Municipio X ed è – scrive il Fatto Quoridiano – “da tempo sotto scacco di alcuni fra i più potenti clan malavitosi del centro Italia – in particolare gli Spada (imparentati con i Casamonica) e i Fasciani – mentre nel 2015 gli sviluppi dell’inchiesta “Mondo di Mezzo” portarono all’arresto dell’allora minisindaco del Pd, Andrea Tassone”. Ragion per cui, Ostia vorrebbe diventare “indipendente”, come fece Fiumicino a suo tempo: “Stavolta i tempi sono maturi e i nostri concittadini hanno molte motivazioni in più”, ha spiega a ilfattoquotidiano.it l’architetto Flavio Coppola, fra i promotori dell’iniziativa.

Questa la prassi burocratica per raggiungere la “secessione”: presentazione e, ovviamente, approvazione di una delibera regionale, raccolta di 10.000 firme, indizione del referendum “entro confini pre-determinati”, raggiungimento dei quorum e invio della richiesta ufficiale al Presidente della Repubblica. Solo al termine di questo percorso, i cittadini ostiensi potranno gridare: “Me ne andavo da questa Roma…”. Ci vien da ridere…

- Advertisement -

Correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Articoli recenti