NON SONO I ROBOT A DISTRUGGERE L’OCCUPAZIONE, MA I POLITICI

di DANIEL LACALLE Non mi preoccupo per l’intelligenza artificiale, ma per la stupidità umana. Il dibattito intorno alla tecnologia e al suo ruolo nella società che ci aspetta, viene usato per ingannare i cittadini e spaventarli riguardo al futuro così che accettino di sottomettersi a dei politici che non possono e non vogliono proteggerci dalla sfida della robotizzazione. Tuttavia, ci sono molti studi che dimostrano che in 50 anni la gran parte del lavoro sarà svolta dai robot. Cosa possiamo fare?vSiamo stati sottoposti per decenni a fallaci stime distopiche. Spiego sempre ai miei studenti che, se credessimo agli studi fatti nel passato guardando ai decenni successivi, è da almeno diciassette anni che dovremmo essere rimasti senza acqua, senza petrolio, senza lavoro. Le stime che si proiettano di mezzo secolo nel futuro soffrono sempre degli stessi problemi. Innanzitutto, il “presentismo”. Prendete la situazione attuale ed esageratela. Poi, addolcite il passato. No, nessun tempo passato era migliore. Terzo, prevedete sempre un futuro impossibile e negativo ignorando ogni evidenza riguardo all’ingegno umano e…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
CONDIVISIONI
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche ControPotere