Perquisizioni MLNV. Guadagnini: “L’arma di Veneto Stato è il consenso”

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO “Noi siamo democratici e gandhiani” inizia così il distinguo di Antonio Guadagnini a proposito dei sequestri operati ieri dalle forze dell’ordine a casa di alcuni esponenti del Movimento di Liberazione Nazionale Veneto: “Noi non abbiamo né polizia, né divise. La nostra unica arma è il consenso popolare.  Veneto Stato è un movimento di popolo, non una specie di organizzazione segreta .” “A livello umano esprimo la mia solidarietà nei confronti degli appartenenti al MLNV – prosegue Guadagnini –  ma non transigo sul loro atteggiamento. Il Veneto ha bisogno di idee e non di divise.” Secondo Guadagnini, tuttavia, le perquisizioni giungono stranamente puntuali: “Mi pare strano che, dopo la Festa dei Veneti, in un momento di grande riscoperta della nostra identità, e soprattutto all’affacciarsi di uno degli autunni più caldi per il Veneto, si ordini un blitz delle forze dell’ordine. Detto francamente – insiste Guadagnini – non credo che alcuno degli indagati avrebbe mai compiuto azioni violente. Spero non ci sia il tentativo di far…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Rubriche Voci dal territorio