lunedì, Ottobre 3, 2022
24.8 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Poste, i gattopardi italiani fingeranno di privatizzarle

Da leggere

Padoan, da Ue mi aspetto riconoscimento sforzidi MATTEO CORSINI

“Poste è una storia di successo. Dieci anni fa sarebbe stata una missione impossibile… stiamo guardando alla possibilità di cedere una quota maggiore e vedere dove possiamo arrivare”. Così parlo il ministro Padoan. Il governo vorrebbe incassare attorno a 8 miliardi da privatizzazioni, ma, come è noto, nel Paese del gattopardo tutto deve cambiare perché tutto rimanga come prima.

Pare quindi che Renzi e Padoan stiano pensando a come incassare soldi dalla cessione di altre quote di Poste, senza perdere il controllo sulla società. Il governo ha ceduto lo scorso ottobre un terzo del capitale di Poste, quotandola in Borsa, sulla base di una valutazione complessiva attorno ai 10 miliardi, incassandone 3,1.

Adesso Padoan vorrebbe incassare la restante parte, ma senza perdere il controllo. Come fare? Semplice: si vende un terzo alla Cassa Depositi e Prestiti, che è per l’80% del Tesoro e che, tra l’altro, emette i buoni postali. Quindi con i soldi di chi sottoscrive i buoni postali CDP può acquistare le azioni dal Tesoro. Si tratterebbe di circa un terzo del capitale, quanto basta per detenere il controllo di una società quotata.

Il Tesoro manterrebbe, quindi, il controllo di fatto delle Poste tramite CDP, e nel frattempo incasserebbe i soldi della cessione. La restante parte, a seconda di quanta “flessibilità” (ossia deficit aggiuntivo) Renzi riuscirà a strappare alla Commissione per il futuro, potrebbe essere ceduta sul mercato. Se tutti questi passaggi si concretizzassero, si finirebbe con avere una società formalmente privata, ma, di fatto, controllata dal Tesoro.  Consiglio al cinguettante Renzi di lanciare l’hashtag #gattopardo2.0

- Advertisement -

Correlati

2 COMMENTS

  1. Il solito gioco delle tra carte.
    Sul 24 ore questa notizia viene data acriticamente.
    Senza spiegare il marchingegno qui descritto.
    Si parla di privatizzazione.
    In realtà è una vendita fatta in casa.
    Più o meno la storia di Atlante , il fondo privato che vede tra i soci anche Cdp che viene considerata una società non pubblica.
    Chi comanda, alla fine, è sempre ed ancora la politica.
    Nessuna privatizzazione.

    • Non per niente Il Sole 24 ore è di Confindustria, come Radio 24, che, guarda caso, non perde occasione di mettere alla berlina coloro che, poco o tanto, parlano ancora di indipendentismo o anche soltanto di maggiori autonomie, o comunque contestano il non pensiero unico renziano, le imposizioni europee palesemente nocive alle realtà economiche medio-piccole, l’accresciuto inserirsi nella nostra economia di paesi islamici emergenti (Quatar) ecc. In particolare Radio 24 affida lo sbeffeggio a personaggi pseudo intellettuali, pseudo progressisti e contraddittori come Cruciani e Parenzo (quest’ultimo ben inserito, ma che combinazione, nella società ebraica italiana, che di sicuro non è costituita da indigenti)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Articoli recenti