giovedì, Dicembre 9, 2021
0.9 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Sono orgoglioso di essere populista ed anti-statalista

Da leggere

tiunin_populismdi PAOLO BONACCHI

Da qualche giorno i ladri di democrazia, i criminali sociali ed i corrotti privilegiati della grande burocrazia parassitaria europea tartassano gli italiani accusando chi non la pensa come loro, oppure chi non è favorevole al sistema che essi stessi hanno creato, di essere un POPULISTA e di appartenere ai POPULISTI, quasi fosse un delitto di lesa maestà nei loro confronti.

Gli statalisti ed i parassiti sociali in genere, abituati da sempre a vivere a spese dei lavoratori e degli imprenditori sani, accusano me e tutti quelli che la pensano come me a proposito della Sovranità popolare e del diritto prevalente dei cittadini nei confronti dei loro rappresentanti, di essere un “populista”, ovvero un “demagogo” o di volere un sistema basato sulla “demagogia”.

In proposito Noam Chomsky, grande linguista, filosofo e teorico della comunicazione, professore emerito al Massachusetts Institute of tecnology, ci dà un’ottima definizione della parola POPULISMO: “Populismo significa appellarsi alla popolazione” e vorrebbe che “la popolazione fosse partecipe e non spettatrice” del processo di organizzazione dell’ordine sociale.

Il significato attribuito da Chomsky al “populismo” è, dunque, esattamente il contrario dell’interpretazione data da chi, detenendo arbitrariamente il potere, come ad esempio Renzi & co., i partiti, la grande burocrazia parassitaria e le grandi banche, vuole che IL POPOLO “venga tenuto lontano dalla gestione degli affari pubblici”, ovvero gli venga negata la SOVRANITÀ.

Se – come sostiene Chomsky – per populismo si intende una concezione della politica che dia la priorità agli interessi dei cittadini, del popolo, anziché a quelli egoistici di una esigua associazione di privilegiati di regime che hanno arbitrariamente occupato lo spazio dell’ordine sociale, essere “populista” non è solo positivo, ma ha un nome preciso: significa volere fortemente “DEMOCRAZIA” per la quale il popolo è “IL SOVRANO” che impone ai proprie rappresentanti le leggi condivise a maggioranza degli aventi diritto al voto che partecipano alle scelte di governo.

L’aspetto più grave e deleterio del travisamento della parola “populista” consiste dunque nel voler creare nel cervello delle persone l’imprinting che la difesa degli interessi popolari e il rispetto della Sovranità popolare a qualsiasi livello istituzionale, sia solo un’infelice e dannosa illusione, un’utopia in contrasto con la realtà sociale (politica ed economica) e le sue (solo in apparenza) immodificabili leggi.

Ovviamente gli statalisti anti-populisti e la stampa di regime, omettono di dire che lo “stato” in tutte le sue articolazioni, è UNA FINZIONE (Bastiat), un ARTIFICIO contro natura volto a preservare il potere allo Statu quo voluto dai partiti, un mostro giuridico (il Leviatano di Hobbes), ecc. ecc..

Niente di più chiaro per comprendere come il popolo sia costantemente tenuto all’oscuro della VERITA’ dai fedeli allo statalismo (tutto nello “stato”, niente al di fuori dello “stato”), dai servi dei partiti, delle cosche, dalla grande burocrazia e dai proprietari del sistema delle comunicazione, cioè da chi vuole continuare a vivere a spese degli altri, travisando il significato delle parole.

I veri democratici, di conseguenza, sono i “populisti”; gli altri sono “statalisti” antidemocratici sempre occupati a ingannare i cittadini. E per questo che sono orgoglioso di essere POPULISTA.

- Advertisement -

Correlati

6 COMMENTS

  1. Ricordarsi sempre che la soluzione del problema è una sola : la soluzione finale !
    Chiaramente non applicata agli ebrei.

  2. Power to the people, si diceva una volta.
    Oggi, pare sia un motto ed un obbiettivo desueto.
    Per me vale ancora.
    In italia nessuno, ma nessuno davvero, tra i vari partiti e movimenti ha l’intenzione di proporre e lottare per l’introduzione in costituzione del referendum propositivo senza quorum su ogni materia, fiscale e sui trattati di politica estera compresi.
    Questa sarebbe una degna battaglia politica cui parteciperei volentieri.
    Power to the people.

  3. va bè, prendere come propria guida quel comunista di Chomsky è ridicolo, la sua idea di “politico che fa gli interessi del POPOLO” poi risponde a personaggi come Castro, Chavez e gentaglia del genere, è il tipico esalatato che poi dice ” gli interessi del popolo sono quelli che decide l’illuminata guida di intellettuali come me”

  4. La BANDA DEI QUATTRO si inventa sempre tante belle parole e anche qualche libretto piu’ o meno rosso: alla bisogna la copertina cambia colore.
    Nessuna meraviglia quindi ma solo: OCIO E SEMPRE, CI STANNO FOTTENDO..!!
    AUGURI

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisement -

Articoli recenti

error: Content is protected !!