sabato, Agosto 13, 2022
18.9 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Spagna, alle elezioni tengono gli indipendentisti catalani. avanza podemos

Da leggere

podemodi REDAZIONE

Con le elezioni locali gli spagnoli hanno iniziato un processo che potrebbe portare progressivamente ad archiviare il bipartitismo dell’alternanza tra Pp e Psoe, protagonisti assoluti della vita politica iberica da metà degli anni ’70 alla fine della dittatura franchista. Soprattutto il voto più frammentato obbligherà la Spagna a sperimentare quella che nel resto d’Europa non sono una novità: gli accordi di coalizione che vedranno protagonisti a sinistra, con i socialisti del Psoe (nel nuovo ruolo di comprimari), i vincenti di ‘Podemos’, e a destra, ‘Ciudadanos’, centristi liberali, possibili alleati con il Pp.

Male l’estrema sinistra di Izquerda Unida, rimasta fuori da molte assemblee e frenata a Barcellona per gli indipendentisti catalani del Ciu (che ottengono il 22,69% dei voti, perdendo un solo consigliere rispetto al passato), sorpassati, seppur di un solo seggio (11 a 10) dalla candidata di Podemos, Ada Colau, a capo della coalizione “Barcelon en Comu”. In pratica, il primo partito a Barcellona è CiU, sorpassato solo da una coalizione della sinistra populista e demagoga. 

Mas_podemos-spainRisveglio, comunque, amaro per il premier spagnolo Mariano Rajoy: il suo Partito Popolare, coinvolto in scandali ma anche artefice delle misure impopolari che, però, stanno risollevando il Paese, è ancora il primo con il 27,02%, ma ha perso oltre 10 punti rispetto alle precedenti elezioni. Il Pp perde molte città, a partire dalla capitale Madrid (dove anche qui è primo per un soffio), ed in molte regioni (restano il primo partito ma perdendo la maggioranza assoluta in 6 su 13 e la conservano in 4), dove se vorrà continuare a governare dovrà aprire a intese con altre formazioni, a partire dai liberali di Ciudadanos.

Nella capitale la protagonista sarà l’ex magistrato Manuela Carmena, a capo della coalizione sponsorizzata da Podemos (un po’ come in Italia, la magistratura è molto ammanicata coi partiti di sinistra) “Ahora Madrid”, che ha preso 20 seggi su 57, contro i 21 della rivale del Pp (che guidava la capitale dal 1991) Esperanza Aguirre. Carmena dovrà, eventualmente, chiedere l’appoggio del Psoe, terzo con 10 seggi per governare. Quarti i Ciudadanos di Alberto Rivera, con 6 seggi.

rajoysoldineriExploit per Podemos dunque, la formazione “anti-austerità” nata dal movimento degli Indignados (VEDI QUI), che è il primo partito a Barcellona (in coalizione), anche se sarà complicato per loro guidare la città. Tornando all’indipendentismo, a Barcellona frena anche l’ERC (Esquerra Repubblicana) che si attesta al 10% circa. Bene il gruppo CUP che aumenta i voti superando il 7% dei consensi. In sintesi, le forze indipendentiste (nonostante si sia trattato di elezioni amministrative), viaggiano tra il 40 ed il 45% dei voti. Test decisamente più importante, sarà quello di settembre alle elezioni nazionali catalane.

Pablo Iglesias, leader di Podemos, ha definito l’esito del voto come “il segno del cambiamento politico” e “l’inizio della fine del partitismo” in Spagna dove si sta vivendo “un cambiamento irreversibile” e preannuncia la sfida al Partito Popolare del premier Rajoy alle politiche di novembre. Arretrano, ma senza sprofondare, i socialisti del Psoe al 25,02, quasi 3 punti in meno rispetto al 2011, che in molti comuni potranno essere co-protagonisti per formare coalizioni con Podemos. Conservano la maggioranza nella regione delle Asturie. A Siviglia governeranno i socialisti, a discapito del Pp, mentre a Valencia, i popolari, dove erano al potere da soli, dovranno aprire ad altre formazioni.

- Advertisement -

Correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Articoli recenti