SVIMEZ CONFERMA: L’ITALIA E’ ANCORA DIVISA IN DUE

Italiadi MARIETTO CERNEAZ

Dicono le agenzie: “Italia divisa in due”. Sai che novità? Già, l’Italia continua a essere spaccata in due: nel 2014 il Pil italiano dovrebbe crescere dello 0,6%, quale risultato del +1,1% del Centro-Nord e del -0,8% del Sud. Secondo stime Svimez contenute nel Rapporto di previsione territoriale, si registra dunque nell’anno in corso una crescita modesta limitata pero’ al Centro-Nord.

Sul fronte dell’andamento dei consumi, nel 2014 l’Italia segna un +0,1%, che diventa nel 2015 +0,4%. Ma l’andamento delle due aree diverge: se i consumi delle famiglie crescono al Centro-Nord nel 2014 dello 0,3% e nel 2015 dello 0,7%, al Sud, rispettivamente, si registra un calo dello 0,5% e dello 0,1%. Giu’ anche gli investimenti: nel 2014 il Sud segna -1,1% contro -0,4% del Centro-Nord.

Se questo dato venisse confermato, nel 2014 la caduta degli investimenti al Sud rispetto al periodo pre-crisi arriverebbe al 35%. Da segnalare, a testimonianza della gravita’ della crisi, l’ulteriore perdita di posti di lavoro, -1,2% al Sud nel 2014, cui corrisponde +0,2% nel Centro-Nord. Se confermati questi dati porterebbero al Sud nel 2014 rispetto al 2007 a quasi 800mila posti di lavoro in meno (pari a una flessione del 12%). In un panorama fortemente negativo, “tengono” le esportazioni: segno positivo in entrambe le ripartizioni, che registrano rispettivamente nel 2014 +1,4% nel Sud +2,7% nel Centro-Nord. 

A livello regionale nel 2014 segno negativo solo nelle regioni del Mezzogiorno, mentre crescono il Centro (+0,2%), il Nord-Est (+1,4%) e Nord-Ovest (+1,5%). Piu’ in particolare nel 2014 la forbice oscilla tra la crescita della Lombardia (+1,7%) 4,3%) e il calo della Calabria (-1%). L’Emilia Romagna cresce dell’1,5%, il Veneto dell’1,4%, il Piemonte dell’1,2%. Nel Mezzogiorno la caduta piu’ contenuta e’ in Abruzzo (-0,4%). Seguono Molise e Puglia a -0,7%, Basilicata e Sardegna a -0,8%, Campania e Sicilia a -0,9%. Stessa dinamica prevista per il 2015: se il Mezzogiorno cala dello 0,3%, il Centro cresce dello 0,9%, il Nord-Est dell’1,8% e il Nord-Ovest del 2,2%. A trainare la ripresa nel 2015 ancora la Lombardia, +2,5%, seguita da Veneto ed Emilia Romagna (+1,9%), e il Piemonte (+1,6%). Fra le regioni del Mezzogiorno basta italiaancora nel 2015 i segni sono tutti negativi, ma oscillano tra -0,1% dell’Abruzzo e -0,5% della Calabria.

Quanto all’occupazione, l’Italia si conferma spaccata in due, con le regioni meridionali segnate sia nel 2014 che nel 2015 da segni negativi. In particolare, nel 2014 le perdite dell’occupazione sono comprese tra -0,8% in Abruzzo e -1,3% in Calabria e Sicilia; nel 2015 tra il -0,4% sempre dell’Abruzzo e il -0,8% della Calabria.

Nel 2015 i tagli alla spesa saranno doppi al Sud rispetto al Centro-Nord. E’ quanto evidenzia Svimez nel Rapporto 2014 sull’economia del Mezzogiorno, in cui si evidenzia che l’anno prossimo al Sud il valore cumulato della spesa pubblica sara’ tagliato del 6,2% contro il 2,9% dell’altra ripartizione. Questa riduzione penalizza il Sud soprattutto per quanto riguarda le spese in conto capitale, una delle poche variabili in grado di stimolare la crescita dell’economia meridionale. La politica economica, si legge nello studio, “appare contribuire alla crescente divaricazione che vi e’ nella dinamica congiunturale delle due macroaree.

Nel Mezzogiorno in primis i tagli alle spese in conto capitale esercitano ancora un effetto moderatamente depressivo che, insieme a quelli delle spese correnti, concorrono a penalizzare in maniera significativa l’economia dell’area, gia’ strutturalmente meno capace di agganciare la ripresa estera ed estenderla poi anche all’interno”. A livello regionale, in valori assoluti, le regioni a statuto ordinario del Mezzogiorno riducono di piu’ le spese, mentre al Centro-Nord si aumentano di piu’ le entrate. In valori assoluti, su un totale di oltre 109 miliardi di euro a livello nazionale, le manovre di finanza pubblica peseranno complessivamente nel 2015 in Lombardia per oltre 21 miliardi di euro, nel Lazio per 13 miliardi, in Sicilia per 8,8, in Campania per 8,5, in Emilia Romagna per 7,7, in Veneto per 7,5, in Piemonte per 7,3, in Toscana per 6,2 e in Puglia per 5,9 miliardi di euro. Inoltre, secondo le stime Svimez elaborate sulla base del modello econometrico Nmods, le manovre considerate nei loro effetti diretti e indiretti tolgono nel 2014 lo 0,65% del Pil al Sud e lo 0,21% al Centro-Nord. 

Se l’Italia è da sempre divisa almeno in due... perchè non farla finita con l’Italia?

Print Friendly, PDF & Email
Rubriche Denari