TRAGICO FUTURO: IN TEMPI DI CRISI, IL SALTO GENERAZIONALE È NELL’ABISSO

di PAOLO L. BERNARDINI La questione del salto generazionale si fa davvero spinosa nel momento in cui la generazione che giunge a maturità si trova a vivere (come è il caso dell’Italia e di parte dell’Europa, in questo momento) in condizioni socio-economiche e conseguentemente culturali inferiori, nettamente inferiori, rispetto alla generazione precedente, o addirittura alle generazioni precedenti. In casi “normali”, in cui la generazione che viene vive in condizioni migliori, mediamente, rispetto alla precedente – come nel caso della storia USA, che è sempre stata una progressione verso il meglio, in termini economici, e quindi a traino dell’economia per tutti gli aspetti della vita – il passaggio generazionale implica il dolore, metafisico, naturale, dell’invecchiamento, e dello sguardo, spesso commosso, talora invidioso o geloso, dell’anziano verso il giovane. Ora, se il mondo va verso il meglio, l’anziano, che può contemplare due generazioni dietro di sé, o l’uomo di mezza età, che ne può contemplare una sola, vedranno compensato il loro invecchiamento dalla considerazione che lasciano dietro…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
CONDIVISIONI
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche PensieroLibero