VENEZUELA E ITALIA, LE SIMILITUDINI TRA BENZINA SCARSA E MASCHERINE A PREZZO FISSO

di ARTURO DOILO Premessa: per chi non lo sapesse il Venezuela è il paese con le maggiori riserve di petrolio al mondo, 298 miliardi di barili circa, secondo la Energy Information Administration. Ma PDVSA, l’azienda pubblica che si occupa di estrarre l’oro nero, è riuscita in un’impresa titanica: ridurre al minimo, in soli 15 anni, la quantità di petrolio estratto e, al contempo, per sopravvivenza Maduro (prima che sulla sua testa finisse una taglia da 15 milioni di dollari in quanto narcotrafficante internazionale) ha dovuto ordinare milioni di barili di petrolio agli Stati Uniti d’America, per far fronte alle sue necessità. PDVSA (azienda di Stato sotto il totale controllo del regime dai tempi di Chavez), un anno fa circa, aveva una capacità di produrre solamente il 15% della benzina necessaria, come ben spiegava Ivàn Freites, il segretario di lavoratori e tecnici de “la Federación de Trabajadores Petroleros de Venezuela”. Nonostante la scarsità del combustibile, Maduro impose un prezzo fisso (grazie a una serie di sussidi governativi,…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Rubriche FuoriDalMondo