VIDEOGIOCHI, BOLSONARO RIDUCE LE TASSE DEL 10%. ECCO PERCHE FA BENE

di IGNACIO GARCIA MEDINA Il presidente del Brasile, Jair Bolsonaro, ha annunciato sul suo account Twitter che il 27 ottobre scorso è stata pubblicata su DOU , la gazzetta ufficiale del governo federale, la riduzione delle tasse sull’industria dei videogiochi in tutta la Repubblica Federale del Brasile. Nello specifico, ha sottolineato che la Imposta sui prodotti industrializzati (IPI), che secondo l’industria può variare dallo 0% al 330%, passerà dal 40% al 30% per le console e le macchine per videogiochi; dal 32% al 22% per parti, accessori di console e macchine per videogiochi le cui immagini sono riprodotte su schermi televisivi e, infine, dal 16% al 6% per macchine per videogiochi con schermo incorporato, portatili e non. Le reazioni al provvedimento di Bolsonaro sono state molteplici, dallo scherno di chi considera i videogiochi un argomento banale, alle lodi di chi comprende i meccanismi fondamentali dell’economia e la crescente importanza di questo settore livello mondiale. Secondo l’ultimo rapporto globale sul mercato dei videogiochi, redatto da Newzoo , una delle più…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Rubriche Denari