IL “POPOLO BUE” SI FA VOLONTARIAMENTE ACCOMPAGNARE AL MACELLO

di PAOLO L. BERNARDINI Forse perché è genovese come me, forse perché ha detto che la Sicilia può farcela senza l’Italia – affermazione assolutamente non scontata, non è come dirlo per il Veneto o la Lombardia, o per l’Emilia o il Piemonte – ma soprattutto perché ha l’appoggio di un filosofo del diritto che stimo molto, Paolo Becchi (ci siamo laureati a Genova con lo stesso Maestro, Giulio Severino, un uomo non noto, forse, in un mondo dove lo sono i plagiari e i parolai, ma di notevoli intuizioni e di grande umanità, la cosa più importante) vorrei soffermarmi un poco su di un uomo, e un movimento, su cui, ovviamente, altri analisti si soffermano molto di più, dal momento che è l’ago della bilancia, in un caos senza fine. Paolo Becchi è uno dei tanti professori italiani esasperati dall’immondizia che ogni giorno viene somministrata come panacea. A differenza, però, di tanti altri, ha preso la parola, e ha messo bene in luce, in un…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Rubriche PensieroLibero