37° SEGNALE DELLA RIPRESA: 500.000 ITALIANI E 300.000 STRANIERI FUGGITI DALL’ITALIA

di LUIGI CORTINOVIS Se andate a rileggervi la storia, vi accorgerete che gli imperi sono svaniti per via della loro esosità, del parassitismo debordante e per il fatto che, come conseguenza, le genti produttive se ne sono andate da quei territori. La storia, si sa, si ripete, soprattutto per chi non la studia o la dimentica proditoriamente. Un esercito di 509.000 italiani si è cancellato dall’anagrafe per trasferirsi all’estero per motivi di lavoro nel periodo 2008-2016. È quanto risulta da un rapporto dell’Osservatorio statistico dei Consulenti del lavoro. La prima meta degli “italiani” è stata la Germania, dove nel solo 2015 in 20.000 hanno trasferito la residenza; al secondo posto, «in forte crescita», la Gran Bretagna (19.000) e in terza posizione, la Francia (oltre 12.000). Nello stesso periodo la disoccupazione nel Mezzogiorno «ha prodotto un aumento di 273.000 residenti al Nord e di 110.000 al Centro». L’Italia ha perso appeal pure per gli stranieri, prevalentemente provenienti dall’Est europeo, visto che quasi 300mila si sono diretti in altri…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Rubriche La Ripresa 2015/16/17