39° SEGNALE DELLA RIPRESA: OLTRE IL 50% DEGLI ITALIANI STA PEGGIO DI PRIMA

di LUIGI CORTINOVIS Ieri, i titoloni dei giornaloni dei ladroni la raccontavano più o meno così: “Nel 2019, l’Italia lascerà alle spalle la crisi. Crescita oltre le previsioni”. E giù valangate di dati macroeconomici, quelli che qualsiasi governo manipola a modo suo. Poi, però, c’è la vita reale, di cui non rende conto solamente l’Istat, ma anche altre istituzioni, tipo la Fondazione Di Vittorio della Cgil e Tecnè. Che dicono questi corvacci? “Quanto segue: il 32% degli italiani giudica peggiorata la propria situazione economica e il 24% si sente più vulnerabile di un anno fa di fronte alla crisi. La forbice economica si allarga e avere un lavoro non protegge più dai rischi di povertà”. Oh caspita, come mai il Corrierone dei servi non ne parla? Eppure, leggendo lo studio di cui sopra, ci si accorge che – a parere loro – nonostante il miglioramento di alcuni parametri macro economici (quelli manipolabili appunto) il 62% degli intervistati dichiara che la situazione economica personale non è cambiata rispetto ai…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Rubriche La Ripresa 2015/16/17