venerdì, Settembre 30, 2022
13.2 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Al via l’expò, ergo l’orgoglio di un paese in via di sottosviluppo

Da leggere

Expo4di GILBERTO ONETO

Fra qualche giorno lorsignori si inaugurano l’Expò, tutti sorridenti, col vestito della festa a tagliare nastri scrupolosamente tricolori.

Che la vicenda finirà male lo sanno tutti, anche se per ragioni scaramantiche o di semplice autodifesa politica, c’è chi sostiene che alla fine andrà “benino”, che il solito italico stellone ci metterà qualche toppa.

Sarà un buco economico, un disastro urbanistico e un investimento che porterà vantaggi solo ai soliti noti (o ignoti) e che procurerà un gran lavoro per tribunali e cronisti giudiziari. Per spirito patriottico o per disciplina di partito, gli avvisi di garanzia partiranno forse solo dopo la conclusione della paccottigliosa kermesse.  Resteranno strascichi, polemiche, debiti, opere inutili, catafalchi rugginosi e la solita amarezza per tutte le occasioni e le risorse buttate via.

Una esposizione è fatta per esporre qualcosa, per mostrare qualcosa di speciale di cui si va orgogliosi, che da lustro o che porta grandi vantaggi all’economia e all’immagine di una comunità. Cos’hanno da esporre di così speciale da scomodare il mondo intero questa Milano e questa Italia?

Non si tratta di realtà in espansione, in un vigoroso momento di progresso o di cambiamento: l’Italia stagna nel suo liquame mediterraneo e con esso soffoca la Padania e Milano che ci sta in mezzo. Cosa ci sarà da mostrare con orgoglio:  periferie disastrate, sistemi di comunicazione da day after, forse la più grossa collezione mondiale di campi di strolighi?  Si vogliono esibire strade sporche, insicure, graffittate e frequentate da una multicolore marmaglia  di sfaccendati?  Si faranno visitare autostrade che finiscono nel nulla, ponti crollati a dieci giorni dalla costruzione, opere mai finite, cantieri perpetui, vaccate da archistar, case occupate, quartieri abusivi: tutto il miglior repertorio dell’italianità. Si dice che sarà la Expo2fiera dell’alimentazione, dell’agricoltura e della natura. Dove? In mezzo a quartieri fatiscenti, aree industriali abbandonate e periferie con le qualità estetiche di Gaza o Aleppo dopo il bombardamento?  Finirà in una serie di orticelli costosissimi, un verziere per ricchi che durerà qualche mese prima di essere sovrastato da erbacce e immondizia. E le architetture? Una sequela di catapecchie tecnologiche, di sgangherate composizioni di vetro, cemento e metallo che finiranno per ispirare le immaginazioni deboli e feconde di tanti progettisti di provincia: aspettiamoci sbrodolate di villette e capannoni che saranno la brutta copia di questi già bruttissimi incubi tridimensionali.

Avrebbe potuto essere una vetrina di autonomia e di autonomismo, proprio come lo erano state le Olimpiadi di Barcellona del 1992. Ma dove sono l’autonomia e l’autonomismo di Milano, della Lombardia e della Padania? La città è governata da un comunista campano, la repubblica da un pievano Arlotto nemico di ogni autonomia e financo di ogni decentramento. La Regione Lombardia è governata da un signore che è stato segretario di un partito indipendentista ma anche ministro di polizia dello Stato da cui diceva di voler secedere: questo sì un prodigio degno di una esposizione universale.  Oggi è circondato da collaboratori scrupolosamente scelti al di sotto del 42° parallelo (ma Dos Passos non c’entra…), si interessa poco di autonomia e sicuramente  non ha abbracciato con tanto calore la causa dell’Expò per farne una bandiera di lombardità alternativa. Per fortuna, perché questa cosa sarà la più puntuale e veritiera rappresentazione dell’italianità post-moderna, pressappochista, ritardataria, cialtrona, senza idee ma sicuramente perfetta per occuparsi di alimentazione. Soprattutto di forchette, appetiti, dell’apparato digerente e dell’intero ciclo della funzione  gastro-intestinale.

- Advertisement -

Correlati

2 COMMENTS

  1. E’ tutto vero.
    Una fotografia esatta.
    Il buonsenso avrebbe consigliato di non spendere tutti questi soldi, ma la politica non è buonsenso.
    I costi, come al solito, ricadranno sui sudditi.
    Qualcuno ha scritto che succederà come in grecia quando si tennero non so se le olimpiadi o altro.
    Debiti su debiti.
    Ora pagano.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Articoli recenti