giovedì, Dicembre 9, 2021
0.9 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Ben venga un’europa fatta di tanti liechtenstein

Da leggere

LIECHTENSTEINdi PAOLO PAMINI

Tutto si può dire dei popoli europei tranne che manchi loro la voglia di chiedersi se siano ancora nello Stato giusto. Ai catalani non è dato a sapere se potranno votare sull’indipendenza a 300 anni esatti dalla perdita della loro sovranità; gli scozzesi lo hanno fatto e indipendentemente dall’esito saranno più slegati da Londra; dopo già aver plebiscitato l’indipendenza in primavera con un referendum spontaneo online, i veneti stanno aspettando passi concreti dalla Regione. Non parliamo poi dei fiamminghi in Belgio, o ancora dei lombardi che qualche idea se la stanno iniziando a fare.

Il tratto comune di tutte queste realtà è che sono il risultato di unioni politiche quasi mai volontarie, spesso frutto di guerre e stravolgimenti politici su scala continentale. Paradossalmente, quasi tutti accorpati con l’argomento nazionalista (spagnolo, italiano, inglese) che proprio oggi anima invece la volontà di autodeterminazione. Quella che stiamo vivendo è probabilmente la dinamica più progressista della storia recente.

L’economista istituzionale tende a dire che, in materia di Stati, piccolo è bello, e più piccolo è ancor meglio. Lo sanno bene gli svizzeri, che possono scegliere tra 26 cantoni e quasi 3’000 comuni, ma ancor più i cittadini di Monaco, Andorra, Liechtenstein, San Marino, ecc. E lo sapeva bene anche Goethe, che avversava l’unificazione tedesca ben sapendo che la poliedricità all’interno del Sacro Romano Impero aveva creato un’incredibile ricchezza culturale ed economica. Va concesso che grandi Stati hanno il vantaggio di creare al loro interno un vasto mercato unico non intralciato da dazi e regolamentazioni protezionistiche. Tuttavia, a tal fine non serve un grande Stato, bensì una semplice politica economica di apertura e abolizione tariffale.

Quella chiamata “laissez-faire, laissez-passer”, o liberismo. Storicamente poi, i vantaggi di un mercato nazionale unico soccombono progressivamente alla bulimia fiscale. Erano meglio i dazi di un tempo tra gli Stati della Penisola o la tassazione predatoria di oggi? Inoltre, mai un piccolo Stato potrebbe veramente praticare una politica protezionista senza rischiare la propria vita a breve termine: vi immaginate Montecarlo che pretende l’autarchia alimentare ed il blocco delle frontiere?

La chiave di volta per comprendere tutto ciò sta nel fatto che l’ingordigia fiscale e la mania regolatoria non sono un incidente storico, bensì il risultato naturale e prevedibile dello Stato, un’agenzia che produce servizi sottraendo ai propri “clienti” le necessarie risorse, senza possibilità d’appello tranne l’emigrazione in un altro Stato. I politici svizzeri non sono più capaci di quelli altrove, ma solo soggetti a maggior concorrenza istituzionale.

Ben venga quindi un’Europa fatta di tante Catalogne, tanti Veneti, tanti Liechtenstein. Proprio l’assetto che non a caso nel Medioevo soffiò l’aria di libertà decisiva per il decollo europeo nei secoli seguenti. Piccolo è bello, ma soprattutto chi è piccolo deve rimanere forzatamente libero, rispettosamente aperto agli altri, e finanziariamente diligente. C’è solo da sperare in una transizione pacifica, che sarà probabile se consideriamo l’attuale sviluppo economico nelle regioni menzionate sopra, ma non scontata alla luce del canto del cigno dei grandi Stati nazionali e della violenza che ne potrebbe scaturire quando non v’è più nulla da perdere.

*AreaLiberale e Liberales Institut

Corriere del Ticino

- Advertisement -

Correlati

1 COMMENT

  1. purtroppo siamo in balia dei politici che vedono solo i loro personali interessi e manovrano i destini dei popoli con la loro personale ristretta visione… ciò che è razionale, semplice e giusto per il vero progresso e la felicità della gente viene ostacolato in tutti i modi da disegni che non hanno senso se non nella testa dei teorici dei megastati di cui i politici approfittano riempiendosi la bocca e le tasche…

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisement -

Articoli recenti

error: Content is protected !!