CINA, IL REGIME È SEMPRE PIÙ MAOISTA E LE IMPRESE COREANE SE NE VANNO

di NICOLÁS PROMANZIO Questa settimana The Epoch Times, un organo di stampa con sede a New York bandito in Cina per le sue critiche al comunismo, ha rivelato una serie di documenti interni cinesi che mostrano che le autorità del regime hanno emesso un ordine non ufficiale per impedire che società giapponesi e sudcoreane lascino il paese. Ciò che è stato rivelato è una lettera interna dell’Ufficio municipale del commercio di Huizhou, una città di cinque milioni di persone nell’importantissima provincia del Guangdong, all’Ufficio nazionale per gli affari esteri, inviata il 10 agosto di quest’anno. La lettera, contrassegnata come estremamente urgente, ha mostrato la disperazione all’interno del Partito Comunista Cinese (PCC) per la decisione di molte multinazionali di lasciare il Paese, dopo la catastrofe della pandemia di coronavirus. Il Giappone ha recentemente pubblicato un programma di sussidi per aiutare tutte le aziende a lasciare la Cina e riportare le loro fabbriche in Giappone o in India. La Corea del Sud ha lanciato un programma simile ma…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Rubriche FuoriDalMondo