COVID: ACCECATI DALLO SCIENTISMO, COME PER I CAMBIAMENTI CLIMATICI

di JOHN O. MCGINNIS Molti governatori, in particolare quelli democratici, hanno giustificato l’isolamento dei loro stati con lo slogan: “Seguiamo la scienza”. Quando il Segretario della Salute e dei Servizi Umani, Alex Azar, ha impedito alle agenzie sanitarie della nazione, inclusa la Food and Drug Administration, di firmare in modo indipendente qualsiasi nuova regola riguardante i vaccini, stabilendo che fosse richiesta invece la sua approvazione, alcuni esperti virologi hanno espresso la preoccupazione che la politica potesse intralciare la scienza. Il mantra “seguire la scienza” non è riservato solo alle scelte politiche adottate per questo virus. I politici offrono una giustificazione simile per le politiche sul cambiamento climatico. Proprio come la scienza del Covid-19 “giustifica” i blocchi, la scienza del cambiamento climatico viene utilizzata per sostenere la politica di spesa di regolamentazione, che porterà a zero emissioni nette. L’idea di seguire la scienza in contrapposizione alla politica è un tema ricorrente che risale all’inizio dell’era progressista. Nel 1887 Woodrow Wilson, allora professore di scienze politiche al…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Rubriche ControPotere