COVIS-19, ECCO PERCHÈ LA COREA DEL SUD HA FATTO MOLTO MEGLIO DELL’ITALIA

di MATTHEW TANOUS Tutti sono perfettamente consapevoli della diffusione della nuova pandemia del COVID-19, che si sta diffondendo in tutto il mondo. Le restrizioni di viaggio sono ovunque, perché la gente vuole farsi testare, preparandosi a possibili quarantene e preoccupandosi del proprio lavoro e delle proprie famiglie. Gli eventi che coinvolgono grandi gruppi di persone vengono cancellati, e in alcuni casi interi paesi vengono bloccati. Ma in tutto questo turbinio di reazioni sulla crisi, c’è un esperimento, quasi naturale, nel modo in cui un sistema sanitario socializzato può rispondere a un tale problema. E la risposta sembra essere… non buona. Per dimostrarlo, possiamo guardare ai due casi dell’Italia e della Corea del Sud. In questo momento (12/3/2020), l’Italia ha registrato 15.113 casi, mentre la Corea del Sud ne ha confermati 7.869. Tuttavia, il numero della Corea del Sud sta crescendo a un ritmo relativamente basso (~100 casi al giorno) rispetto ai circa 2.500 che l’Italia ha aggiunto oggi. (I dati sulla diffusione del nuovo coronavirus…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Rubriche CronacheVere